Alfieri... la F-Type di Maserati

Per il Tridente in travolgente sviluppo la Maserati Alfieri sarà la portabandiera della sportività coniugata alla classe.

Maserati Alfieri Concept

Altre foto »

Maserati Alfieri, nome evocativo, schiaffo d'orgoglio per la sinuosa, aggressiva pantera che rappresenterà la Maserati. Nasce sull'onda delle entusiastiche reazioni provocate dalla concept presentata a Ginevra a marzo, deliberata con inusuale rapidità, promossa da subito, ancor prima di nascere, al ruolo di portabandiera dello spirito del Tridente.

Ad Alfieri - berlinetta GT e Spider - l'impegnativo compito di sfidare sul loro terreno la mitica Porsche 911 e la new entry Jaguar F-Type che ha riportato il giaguaro nello storico ruolo ricoperto con grande successo negli anni '60 dalla E Type. Certo non solo loro, ci sono Aston Martin, Lamborghini Huracan, Audi R8, Mercedes SL, BMW 6, ma è chiaro che il podio del ricco e prestigioso segmento delle GT, almeno sotto il punto di vista dell'immagine e dei margini, si gioca tra 911, F Type e Alfieri.

Del mito 911 c'è poco da dire salvo che ancora oggi rappresenta quasi un terzo delle vendite totali di Porsche, secondo solo a Cayenne, solidità granitica e inattaccabile di un'icona senza fine. Nei primi 5 mesi del 2014 Porsche 911 ha venduto in Europa 6249 pezzi, poco più dello stesso periodo 2013, ha scavalcato Cayenne e mantiene la seconda linea di vendita dopo l'avvio brillante di Macan, che costa, e rende, meno della metà. Negli USA, da tempo mercato elettivo della sportiva tedesca, 4.359 pezzi fino a maggio, praticamente lo stesso risultato del 2013. Cina, Russia ed Emirati fanno il resto di una leadership indisturbata.

Ma la Jaguar F Type, che solo ora sta avviando le vendite della versione Coupé che affianca (e supererà nelle vendite) lo Spider, ha piazzato 2.069 esemplari nei cinque mesi in Europa e 1.309 in USA.Gran risultato in termini assoluti per una sportiva di alto di gamma e ritorno d'immagine impagabile che vale molto di più delle 9.200 vendute in Europa  e delle 3130 su quello americano berline XF, anche in termini di margini.

Dunque due concorrenti fortissimi per Alfieri. La GT compatta del Tridente dovrebbe nascere sulla piattaforma delle prossima generazione della Granturismo, notevolmente accorciata; la concept era basata sulla piattaforma di Ferrari California. Motori, centrali, solo benzina in almeno tre step del V6 di progettazione Ferrari già offerto sulla Ghibli e sulla Quattroporte, con la versione biturbo portabandiera prestazionale con i suoi 450 cavalli.

La linea è davvero mozzafiato e la vettura di serie, meno male, sarà quasi identica alla concept. Ha una personalità spiccata, soprattutto nel disegno della coda che richiama nettamente quella della mitica barchetta A6CGS del '53 e che non la fa confondere, neanche da lontano, con una Ferrari o un'Aston Martin, tantomeno con una 911. Prezzi compresi nella fascia tra 120 e 180.000 euro, vale a dire mediamente più alti  rispetto alla F Type, molto simili a quelli della 911.

Deve ancora essere prodotta ma ha già raccolto decine di opzioni d'acquisto che formeranno da subito, al lancio, una consistente ed esclusiva lista d'attesa. Il Coupé farà il suo ingresso sul mercato nella prima metà del 2016, probabilmente al Salone di Ginevra in marzo, lo Spider seguirà l'anno successivo.

Se vuoi aggiornamenti su MASERATI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Fabrizio Brunetti | 16 luglio 2014

Altro su Maserati

Maserati: la Alfieri rinviata al 2020
Anteprime

Maserati: la Alfieri rinviata al 2020

Maserati sembra aver rinviato al 2020 il debutto della Alfieri, originariamente attesa per quest'anno.

Maserati ad Auto e Moto d’Epoca 2016
Eventi

Maserati ad Auto e Moto d’Epoca 2016

Maserati espone a Padova passato e presente, grazie a storici modelli come la Birdcage Tipo 61 e il nuovo suv Levante.

Maserati elettrica, al debutto entro il 2020
Ecologiche

Maserati elettrica, al debutto entro il 2020

Anche Maserati si dice interessata alla propulsione elettrica, tanto da voler lanciare un proprio modello a zero emissioni entro il 2020.