Noleggio a lungo termine: le cose da sapere

Una breve guida al noleggio a lungo termine per le aziende e i liberi professionisti che cercano soluzioni alternative all’auto di proprietà.

Noleggio a lungo termine: le cose da sapere

di Giuseppe Cutrone

03 marzo 2014

Una breve guida al noleggio a lungo termine per le aziende e i liberi professionisti che cercano soluzioni alternative all’auto di proprietà.

Noleggio a lungo termine, una guida per conoscerlo

Acquistare e gestire un’auto aziendale rappresenta un impegno non indifferente dal punto di vista dei costi, ma una soluzione alternativa è il noleggio a lungo termine che consente di fruire dell’auto senza preoccuparsi degli oneri di gestione che di fatto vengono delegati ad aziende specializzate a fronte di un costo di noleggio predeterminato .

 

I vantaggi che questo tipo di soluzione può dare ai professionisti e alle imprese di piccole e medie dimensioni sono tanti, ma è importante scegliere con cura l’offerta più aderente alle reali esigenze per non ritrovarsi a pagare più di quanto necessario: cerchiamo quindi di capire come funziona, quali documenti occorrono per l’attivazione di un contratto e quali limitazioni sono previste.

Noleggio a lungo termine, cos’è e chi può accedervi

I vantaggi del noleggio a lungo termine.

Il noleggio a lungo termine consente alle aziende e a quanti sono dotati di partita IVA di avere a disposizione una vettura per un certo periodo di tempo a fronte del pagamento di un canone mensile fisso.

Si tratta di una soluzione che consente di risparmiare rispetto all’acquisto dell’auto aziendale, dato che nel canone pattuito al momento della stipula del contratto sono compresi tutti gli oneri finanziari, il costo dell’assicurazione, il bollo, l’assistenza stradale e le spese di manutenzione ordinaria e straordinaria del veicolo.

La durata del contratto e l’importo del canone

Un contratto di noleggio a lungo termine ha una durata che varia a seconda dell’operatore scelto e dell’offerta sottoscritta. Solitamente il periodo in cui l’auto rimane a disposizione va da un minimo di 12 mesi ad un massimo di 60 mesi, con un chilometraggio che viene scelto in base alle esigenze del cliente che può così personalizzare nel dettaglio il servizio.

Il modello di auto scelto, la durata del contratto, il numero di chilometri che si prevede di percorrere e la selezione di eventuali servizi accessori contribuiscono a stabilire l’importo del canone mensile, che rimarrà fisso per tutta la durata del contratto.

Come e quando entrare in possesso dell’auto

La scelta dell’auto.

Ai clienti che scelgono il noleggio a lungo termine viene data la possibilità di scegliere e configurare la vettura che ritengono più adatta per la loro attività. Gli operatori mettono a disposizione un’offerta multimarca che comprende auto di tutti i generi: classiche berline e moderni SUV, veicoli commerciali, monovolume e perfino cabriolet e coupé.

I tempi di consegna del veicolo

Dopo che il cliente ha scelto l’automobile più adatta alle proprie necessità, il fornitore del servizio di noleggio inoltra l’ordine alla casa costruttrice, che a sua volta provvederà ad evadere la richiesta in un tempo variabile in rapporto al modello, agli accessori richiesti e al numero di esemplari ordinato. 

In linea generale i tempi di consegna sono di circa un mese, ma se l’operatore lo prevede, c’è la possibilità che in questo lasso di tempo il cliente possa avere a disposizione uno o più veicoli sostitutivi con caratteristiche simili a quelli ordinati.

I documenti necessari 

Per perfezionare il contratto di noleggio a lungo termine è indispensabile fornire una dettagliata documentazione. Alle aziende sono richiesti la documentazione del bilancio o il Modello Unico, compreso l’attestato che conferma la presentazione all’Agenzia delle Entrate, la partita IVA, il certificato della Camera di Commercio, il numero del conto corrente e i dati del legale rappresentante.

Per i liberi professionisti o gli imprenditori singoli sono necessari il documento d’identità, il codice fiscale, la dichiarazione dei redditi, la partita IVA e la visura camerale.

Chi può mettersi alla guida e cosa fare alla scadenza del contratto

Chi può guidare l’auto noleggiata.

L’automobile noleggiata a lungo termine può essere guidata da tutti i dipendenti di un’azienda,  che vengono solitamente autorizzati al momento della firma del contratto. Nel caso dei privati, invece, sono autorizzati alla guida anche i familiari dell’imprenditore o del professionista che ha sottoscritto il noleggio.

Modifica del contratto durante il periodo di noleggio e recesso anticipato

Nel caso in cui le esigenze di chi noleggia una vettura cambino durante la durata del contratto, c’è la possibilità che questo possa essere modificato sia nella durata che nei chilometri percorsi, ovviamente con un relativo adeguamento del canone mensile.

Tra le possibilità date al cliente c’è anche la facoltà di recedere dal contratto anticipatamente, a patto che venga data comunicazione all’operatore di autonoleggio con un certo anticipo e che sia trascorso un tempo minimo prefissato.

Scadenza del contratto e restituzione del veicolo

Arrivati alla scadenza del contratto il veicolo viene ritirato dall’operatore di autonoleggio, che provvederà a rivenderlo nel mercato dell’usato. Non è quindi prevista la possibilità di riscattare il mezzo in uso nel momento in cui il contratto cessa la propria validità.

Se alla fine del noleggio i chilometri percorsi sono stati superiori o inferiori a quanto previsto, avverrà un adeguamento economico che prevede la fatturazione dei chilometri in eccesso o lo storno nel caso in cui le percorrenze siano  state più basse.

No votes yet.
Please wait...