Mille Miglia 2011: il gran finale

Si è conclusa la 29^ rievocazione della Mille Miglia. Vittoria di Mozzi-Biacca su Aston Martin Le Mans del 1933 e pubblico incredibile.

Mille Miglia 2011: le verifiche

Altre foto »

Viva la Mille Miglia. Un evento che rappresenta il nostro Paese in tutto il mondo. Perché tutti ce lo invidiano, tanti vorrebbero prendervi parte e decine di migliaia di spettatori si godono ogni anno uno spettacolo tutto italiano. Provare per credere.

Anche questa 29^ rievocazione storica della Mille Miglia - la gara che fu di velocità pura dal 1924 al 1957 - ha ottenuto il successo che merita. Sia per i grandi sforzi organizzativi adoperati dalla Mac Event, sia per i contenuti che difficilmente trovano eguali nel mondo in altre manifestazioni simili. Da Brescia a Brescia passando per Roma. Tre giorni di gara "no stop" - a parte poche, pochissime ore di sonno - che si sono conclusi ieri (sabato 14 maggio) incoronando vincitore l'equipaggio formato dagli esperti "regolaristi" Giordano Mozzi e Stefania Biacca, che si sono imposti tra i 375 al via con la loro Aston Martin Le Mans del 1933.

Al di là degli aspetti puramente sportivi, la corsa che porta l'emblema della freccia rossa ha vissuto proprio nell'ultima tappa di ieri (Roma-Brescia) il suo miglior epilogo. Ha attraversato quattro regioni (Lazio, Toscana, Emilia Romagna e Lombardia) e coperto la bellezza di 680 chilometri (tutti su strade secondarie, ovviamente), ma soprattutto è stata accompagnata dalla perenne presenza di pubblico. Proprio in stile Giro d'Italia ciclistico. Uno spettacolo irripetibile. La gente non era lì per caso: era lì solo per vedere la 1000 Miglia. Auto storiche provenienti da tutta Europa in una sorta di mega-raduno per rendere omaggio e incitare gli equipaggi già affaticati ma con ancora molta strada da percorrere. Camper, pic-nic a bordo strada, applausi e sguardi ammirati per alcune delle più belle e preziose vetture d'epoca che si possono vedere in giro per il mondo.

Il magic moment della terza e ultima tappa è stato sicuramente l'attraversamento dei passi Futa e Raticosa: qui si è celebrato il festival della Mille Miglia con spettatori sparsi ovunque e con auto storiche in ogni angolo. Così come non si potranno dimenticare le passerelle nel centri storici di Roma, Siena, Firenze, Bologna, Modena, Parma. Noi italiani neanche ci rendiamo conto di quale esperienza possa essere per i partecipanti stranieri, che grazie alla Mille Miglia hanno un posto in prima fila per godersi piazza San Pietro, Castel Sant'Angelo, piazza del Campo, Ponte Vecchio e Palazzo Vecchio...Tutti elementi che da soli riescono a mettere in ombra gli aspetti più mondani dell'evento, che si porta appresso il suo stuolo di vip e personaggi celebri. Primo per simpatia e popolarità l'attore inglese Rowan Atkinson, famoso per l'interpretazione del personaggio comico Mr. Been. Poi la bellissima madrina Madalina Ghenea che - per dirla tutta - non potrà mai competere con il fascino dell'unica, inimitabile 1000 Miglia italiana.

Se vuoi aggiornamenti su MILLE MIGLIA 2011: IL GRAN FINALE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Luca Gastaldi | 15 maggio 2011

Vedi anche

Touring Superleggera: l’arte del restauro a Rétromobile 2017

Touring a Rétromobile 2017

Un’Alfa Romeo Giulia GTC del 1965 e una Ferrari 330 GTC del 1968 in fase di restauro allo stand Touring della kermesse parigina.

Citroen: le imperdibili di Retromobile 2017

Citroen: le imperdibili di Retromobile 2017

Dalla Scarabéè d’Or alla Traction Avant Commerciale, tutte le novità Citroen alla rassegna parigina di veicoli storici.

Automotoretrò e Automotoracing: al via la 35esima edizione

Automotoretrò al via a Torino

Fino a domenica, tre giorni di auto e moto, veicoli storici, motorsport, mostre mercato, spazi espositivi, esibizioni e sfide a colpi di cronometro.