Aston Martin - Zagato: a Villa d'Este un'inedita coupé

Nuovo capitolo della collaborazione tra il marchio di Gaydon e Zagato iniziata 50 anni fa con la DB4 GT.

Villa d'Este 2010

Altre foto »

Nei prossimi giorni vedremo un nuovo frutto della collaborazione fra Aston Martin e Zagato, che sarà presentata al Concorso d'Eleganza Villa d'Este, in programma sabato 21 e domenica 22 maggio.

Per il momento, la vettura... si fa attendere, in un gioco di vedo - non vedo che fa intuire, ma non mostra per intero, quelle che saranno le linee della coupé. L'obiettivo posto sulla realizzazione di una esclusiva coupé dagli spiccati atout sportivi viene confermato da due indizi. La prima indicazione è relativa alla volontà delle due Case di realizzare una vettura che celebrasse i 50 anni della celebre DB4 GT Zagato. Di conseguenza (secondo indizio), una coupé da impiegare anche in pista, se sarà confermato l'annuncio di un immediato battesimo agonistico per la nuova creatura.

Come per la DB4, che debuttò giusto 50 anni fa a Goodwood con Stirling Moss al volante (e che venne guidata, fra gli altri, da Jim Clark e Roy Salvadori), anche l'inedita GT che vedremo a Villa d'Este scenderà prestissimo in gara. Addirittura, secondo alcune indiscrezioni, già nelle prossime settimane.

Ecco, quindi, il corpo vettura che richiama, nella parte anteriore e nella forma esterna dell'abitacolo, le linee della produzione attuale di Gaydon, evidenti già a una prima occhiata nel muso largo e, nello stesso tempo, sinuoso e "nervoso". La ricostruzione grafica dell'anteprima consente, tuttavia, di notare in maniera piuttosto chiara uno dei motivi stilistici che richiamano la diretta discendenza con il passato: le "onde" che dalla linea di cintura accompagnano ed evidenziano il profilo dei parafanghi posteriori.

Appare più nascosto (ma ci si aspetta che ci sarà!) il motivo della doppia gobba sulla sommità dell'abitacolo, artificio creato negli anni 50 per le piccole coupé della Carrozzeria milanese (in maniera da migliorare l'abitabilità di pilota e passeggero senza sacrificare l'altezza della vettura) e divenuta anch'essa uno dei simboli stilistici della Casa.

Nei prossimi giorni, ne sapremo di più. E', tuttavia, già stato fissato questo nuovo tassello del mezzo secolo di attrazione fatale che lega Aston Martin e Zagato (quest'ultima ancora "fresca" dalla consegna del primo esemplare delle nove Alfa TZ3 Stradale previste e della presentazione, a Ginevra, della 500 Coupé: stilemi di un passato sempre attuale!).

Già insieme per cinque volte, il marchio della doppia ala e l'atelier milanese hanno messo la propria firma congiunta su una serie di esclusive coupé. Dalla DB4 GT del 1960 - 1963, mitica ed effimera (ne vennero realizzati solo venti esemplari, più sei, dalla stessa Zagato, in due edizioni, negli anni 90, certificate da Aston Martin "Repliche originali") alla V8 Zagato, Volante e Vantage, realizzata in appena 89 unità dal 1986 al 1990; alla DB7 Zagato (99 esemplari realizzati fra il 2002 e il 2003), la DB AR1 (99 esemplari, tutti per gli USA, nel 2003 -2004) e la Vanquish Roadster by Zagato.

Se vuoi aggiornamenti su ASTON MARTIN inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 12 maggio 2011

Altro su Aston Martin

Aston Martin Vanquish S: 600 CV al Salone di Los Angeles
Anteprime

Aston Martin Vanquish S: 600 CV al Salone di Los Angeles

Nuova versione alto di gamma per Vanquish: l'aggiornamento al V12 6.0 e un inedito bodykit in carbonio sottolineano l'immagine della Gt di Gaydon.

Aston Martin e Red Bull, insieme per la AM-RB001
Anteprime

Aston Martin e Red Bull, insieme per la AM-RB001

Accelerazione da 0 a 320 km/h in soli 10 secondi per la nuova hypercar progettata da Aston Martin in collaborazione Adrian Newey.

Aston Martin AM-RB 001: hypercar da 900 cavalli
Anteprime

Aston Martin AM-RB 001: hypercar da 900 cavalli

La Aston Martin AM-RB 001, realizzata con il team Red Bull di F1, vanterà un motore capace di sviluppare 900 CV per appena 900 kg di massa totale.