Hyundai a New York: una Accent tutta nuova

La nuova Accent in Casa Hyundai definisce nuovi standard per il marchio punta a diventare un riferimento nella categoria.

Hyundai Accent 2012

Altre foto »

Continua l'ascesa della Hyundai che rinnova i suoi prodotti a tempo di record e mira a conquistare quote importanti del mercato americano con la nuova Accent. L'utilitaria coreana esordisce nella sua nuova veste a 4 e 5 porte al NYIAS di New York e ridefinisce gli standard della categoria nel delicato rapporto tra consumo e potenza del motore.

Esteticamente, la nuova Accent riprende gli stilemi che tanto hanno arriso alla iX35 ed alla iX20 grazie ad un frontale molto personale e ad una fiancata scolpita. Tra le due proposte, la 5 porte si avvicina molto ai gusti europei, ma anche la 4 porte ha un equilibrio stilistico notevole.

Sotto il cofano pulsa un motore da 1,6 litri con la potenza più alta della categoria, ben 138 CV, e una coppia di 123 Nm. Grazie all'iniezione diretta di benzina e ad un sistema di fasatura variabile delle valvole sia nella fase di aspirazione che in quella di scarico, questo propulsore consente alla Accent di percorre circa 730 km in autostrada con un pieno di benzina.

Più grande del modello che sostituisce, ma non per questo più pesante, la nuova vettura coreana vanta anche la capacità di carico migliore della categoria e un diametro di sterzata inferiore a quello delle concorrenti più agguerrite. Inoltre, presenta una dotazione di sicurezza di prim'ordine sia per quanto riguarda il numero di airbag, ben 6, coadiuvati anche dai poggiatesta che prevengono il colpo di frusta, sia per i controlli elettronici che assistono il guidatore nelle frenate d'emergenza e nelle manovre di recupero più impegnative.

Proposta in tre allestimenti, GLS per la 4 porte e GS ed SE per la 5 porte, la nuova Accent vede sparire dal listino la versione a 3 porte che rappresentava la variante entry level della gamma.

Se vuoi aggiornamenti su HYUNDAI ACCENT inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 21 aprile 2011