Mini Rocketman Concept al Salone di Ginevra

Mini Rocketman Concept racchiude in soli tre metri e mezzo tantissime soluzioni innovative e un futuristico abitacolo dotato di 3 posti +1.

MINI Rocketman Concept

Altre foto »

Mini in occasione del Salone di Ginevra 2011 (3-13 marzo) regalerà agli appassionati del marchio una futuristica concept chiamata Rocketman che richiama le forme compatte della Mini del 1959, abbinata a soluzioni innovative, sia tecniche che stilistiche, studiate per la mobilità urbana del futuro.

Lunga meno di tre metri e mezzo (3,49 m), larga 1,90 m e alta 1,39 m, la Rocketman si presenta con una carrozzeria a tre porte che ospita un abitacolo dotato di 3 posti più 1. Esteticamente la nuova Concept di MINI regala soluzioni da show-car come il particolare sistema di apertura delle portiere anteriori che si "allontanano" dal corpo vettura in senso parallelo, mentre il portellone posteriore si divide in due parti: la parte inferiore si apre come se fosse un comodo cassetto, invece quella superiore è incerniata nel tetto e ne occupa una buona porzione. Quest'ultimo è realizzato totalmente in cristallo ed è impreziosito da diodi luminosi che formano i motivi della bandiera inglese.  

Un altro elemento distintivo di questo fantasioso prototipo è dato sicuramente dagli speciali proiettori con tecnologia LED, in particolare quelli posteriori si presentano con una particolare forma a ferro di cavallo, mentre gli stop e la luce di retromarcia vengono proiettate sulla carrozzeria, regalando un effetto scenico davvero notevole. Un tocco sportivo viene invece dato dagli speciali cerchi in lega  "XX" da 18 pollici,  realizzati in lega leggera e fibra di carbonio.

Nell'abitacolo trovano posto tre sedili singoli scorrevoli in senso longitudinale, mentre il quarto sedile aggiuntivo può essere completamente ribaltato in modo da offrire un ulteriore piano di carico. Gli interni riprendono in chiave futuristica i tipici stilemi Mini, i principali comandi sono disposti sul volante multifunzionale, sulla consolle centrale trova posto invece una particolare unità di comando  estraibile chiamata "Concept Seed", che ingloba le funzionalità dedicate alla climatizzazione, al sistema audio e alla navigazione satellitare. Tutte queste funzioni possono essere configurate comodamente anche da Casa tramite il proprio personal computer,  aggiornando così le impostazioni tramite la rete internet.

La Casa anglo-tedesca non ha comunicato particolari specifiche meccaniche e tecniche della Rocketman, le uniche informazioni parlano di uno speciale telaio spaceframe in carbonio studiata per rendere la Mini leggera ed efficiente, in modo da ottenere consumi di carburante entro la soglia dei 3 litri ogni 100 km percorsi.

Se vuoi aggiornamenti su MINI MINI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 23 febbraio 2011

Altro su MINI MINI

MINI Cooper Cabrio: la prova su strada
Prove su strada

MINI Cooper Cabrio: la prova su strada

Al volante della scoperta inglese si può guidare il fascino e il carisma della "piccola" sportiva, cresciuta molto rispetto al passato.

Mini Seven: nuova serie speciale al Salone di Parigi
Anteprime

Mini Seven: nuova serie speciale al Salone di Parigi

Ispirata alla storica Austin Seven del 1959, la nuova Mini Seven sarà esposta a Parigi insieme alle altre novità del marchio di Oxford.

Mini John Cooper Works Cabrio by AC Schnitzer
Tuning

Mini John Cooper Works Cabrio by AC Schnitzer

Dopo la JCW esposta all'Essen Motor Show 2015, AC Schnitzer presenta la "sorella" Cabrio di recente debutto: immagine più aggressiva e 35 CV in più.