Mercedes a Detroit: Aesthetics No. 2 sculpture

Al Salone di Detroit Mercedes non ha portato solo automobili, ma anche un’interessante scultura che vuole rappresentare l’abitacolo del futuro.

Mercedes a Detroit: Aesthetics No. 2 sculpture

Tutto su: Mercedes-Benz

di Francesco Donnici

11 gennaio 2011

Al Salone di Detroit Mercedes non ha portato solo automobili, ma anche un’interessante scultura che vuole rappresentare l’abitacolo del futuro.

Tra le numerose auto presenti nello stand Mercedes al Salone di Detroit fa bella mostra di sé una particolare “scultura” chiamata Aesthetics No. 2 sculpture.  Si tratta di uno studio stilistico e architettonico sui futuri abitacoli delle vetture della Casa di Stoccarda, chiaramente ispirato all’ergonomia aerospaziale.

Lunga 5,6 metri, alta 1,8 m e larga 2,6 m, la scultura per il momento rimane soltanto un’interessante opera dal semplice sapore artistico, anche se alcune soluzioni, come la particolare forma del cruscotto, non sembrano così distanti da alcuni concept firmati Mercedes dal probabile futuro commerciale.[!BANNER]

Gorden Wagener, capo del design Mercedes, a proposito di questa scultura ha affermato: “Da noi in Mercedes il design automobilistico e l’arte sono la medesima cosa. L’ispirazione è la pre-condizione per ottenere la calma e la passione emotiva necessaria per disegnare le nostre vetture. In questa scultura abbiamo permesso alla fantasia creativa di svilupparsi liberamente, senza alcun vincolo”.