Opel Antara: a Bologna arriva il restyling

Presente in anteprima al Motor Show di Bologna, il SUV di Casa Opel si rinnova e guadagna motori più puliti e potenti.

Opel Antara al Motor Show 2010

Altre foto »

Dopo quattro anni di onorata carriera, la Opel Antara subisce le prime modifiche che riguardano soprattutto la meccanica, mentre rimane quasi invariata nell'aspetto.

Infatti, a fronte di una linea che rispecchia la versione precedente, eccezion fatta per qualche particolare come i gruppi ottici anteriori e posteriori, i cerchi e la mascherina, sotto il cofano si celano grandi novità.

Tutti i propulsori diventano Euro 5 ed acquistano più cavalli: il 2.4 a benzina passa da 140 CV a 170 CV, mentre i 2.2 turbodiesel, ottengono, rispettivamente, 36 CV e 34 CV, raggiungendo potenze nell'ordine dei 163 CV e 184 CV.

Valori interessanti, che garantiscono una migliore risposta della vettura ai comandi dell'acceleratore e consentono di avere una buona dose di potenza per trarsi d'impaccio nelle situazioni d'emergenza.

Disponibile con cambio manuale o automatico, e con trazione anteriore o integrale, la nuova Opel Antara è ancora più sicura per via del sistema che assiste il guidatore nelle partenze in salita. 

Se vuoi aggiornamenti su OPEL ANTARA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 01 dicembre 2010

Altro su Opel Antara

Opel Antara 2.2 CDTI 4x2 Cosmo: la prova su strada
Prove su strada

Opel Antara 2.2 CDTI 4x2 Cosmo: la prova su strada

Rinnovato nel look e nel motore, la Opel Antara 2.2 CDTI convince per qualità dinamiche e confort di marcia.

Opel Antara restyling in anteprima a Bologna
Anteprime

Opel Antara restyling in anteprima a Bologna

Alla kermesse bolognese farà il suo debutto l’Opel Antara restyling che si aggiorna leggermente nell’estetica e porta in dona modifiche sotto

Antara: sconti e trazione avanti sulla 2.0 CDTi
Ultimi arrivi

Antara: sconti e trazione avanti sulla 2.0 CDTi

La Antara si può ordinare anche a sola trazione anteriore con il diesel da 150 CV a 27.600 euro. Taglio netto di listino fino a 2.000 euro