35 Maserati sulle strade della Targa Florio

35 Maserati hanno ripercorso le strade siciliane della mitica Targa Florio nell'ambito dell'iniziativa "Sicilia terra di cultura e sport"

Le strade siciliane dell'indimenticata Targa Florio hanno fatto da sfondo all'iniziativa "Sicilia terra di cultura e sport", nata per celebrare il legame tra questa famosa corsa italiana e l'altrettanto famoso marchio Maserati. Fu infatti proprio il fondatore Alfieri Maserati a vincere la prima edizione della corsa, nel 1926, su una Maserati Tipo 26.

L'evento è stato organizzato dal club Maseratisti Siciliani e dal Maserati Club centrale ma ha visto anche la partecipazione del Maserati Club di Malta. Ben 35 le vetture che hanno partecipato, tra cui molte Gran Turismo, una Quattroporte "Collezione 100" in edizione limitata, tante GT e Spyder degli anni '60 e '70 e modelli più recenti.

Partiti da Palermo, i partecipanti si sono diretti verso la Villa del Casale a Piazza Armerina e poi alla volta di Caltagirone, famosa per la produzione di ceramiche. Dopo una tappa all'autodromo di Pergusa, la manifestazione si è conclusa nella splendida Taormina, presso il Grand Hotel Timeo.

L'iniziativa siciliana ha permesso di vivere la passione per le competizioni, l'eleganza e l'artigianalità delle vetture Maserati insieme all'arte e alla cultura della Trinacria.

Se vuoi aggiornamenti su MASERATI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Tomelleri | 11 giugno 2010

Altro su Maserati

Maserati: la Alfieri rinviata al 2020
Anteprime

Maserati: la Alfieri rinviata al 2020

Maserati sembra aver rinviato al 2020 il debutto della Alfieri, originariamente attesa per quest'anno.

Maserati ad Auto e Moto d’Epoca 2016
Eventi

Maserati ad Auto e Moto d’Epoca 2016

Maserati espone a Padova passato e presente, grazie a storici modelli come la Birdcage Tipo 61 e il nuovo suv Levante.

Maserati elettrica, al debutto entro il 2020
Ecologiche

Maserati elettrica, al debutto entro il 2020

Anche Maserati si dice interessata alla propulsione elettrica, tanto da voler lanciare un proprio modello a zero emissioni entro il 2020.