Maybach: a Pechino il restyling della luxury-car

Qualche CV in più per la versione “S”, nuovi frontali e l’adozione di accessori hi-tech. A Pechino la Maybach rivista

Maybach: a Pechino il restyling della luxury-car

di Francesco Giorgi

24 aprile 2010

Qualche CV in più per la versione “S”, nuovi frontali e l’adozione di accessori hi-tech. A Pechino la Maybach rivista

Imponenti, costosissime, per i nuovi ricchi orientali le Maybach rappresentano uno status symbol. E’ per questo motivo che il Gruppo Daimler ha scelto il Salone di Pechino per la presentazione in anteprima mondiale delle versioni ristilizzate della 57 e della 62.

In questi giorni sono state diffuse le prime immagini dell’operazione di maquillage, del quale ha beneficiato il corpo vettura e la meccanica della declinazione “S”, la “sportiva” della gamma, che guadagna qualche CV.

E’ nella parte frontale che gli stilisti di Stoccarda hanno apportato le novità più evidenti. L’ampio paraurti, infatti, è stato ridisegnato per far posto alle ampie prese d’aria di nuova e alle nuove luci a Led integrate. Nuova anche la vistosa griglia anteriore “a trapezio”: la cornice resta cromata, ma i listelli verticali sono più “fitti”. Di lato rimane pressoché identica, cambiano solo gli specchietti. Dietro i terminali di scarico scompaiono sotto il paraurti. Aumentata leggermente la lunghezza: 11 mm per la 57, che passa a 5,73 metri e 17 mm la 62, che misura 6,12 metri.[!BANNER]

Rivista pure la meccanica. Il V12 da 6 litri è aumentato di potenza: da 612 a 630 CV. Scendono leggermente i consumi: il V12 da 551 CV  percorre 8 km/l ed emette 350 g/km di CO2, con una riduzione di 33 g/km rispetto a prima. Il 6 litri della “S” percorre in media 7,6 km/l e le riduzioni di CO2 scendono di 22 g/km, ovvero 368 g/km.

Fra gli accessori disponibili, un router che consente di utilizzare le connessioni Internet wireless di bordo e un raffinato sistema DVD Home theater.