Al via il My Special Car 2010: che business!

In occasione del My Special Car Show di Rimini è stato fatto il punto sul settore del tuning, il cui fatturato potrebbe triplicare nel giro di 3 anni

Al via il My Special Car 2010: che business!

di Andrea Barbieri Carones

26 marzo 2010

In occasione del My Special Car Show di Rimini è stato fatto il punto sul settore del tuning, il cui fatturato potrebbe triplicare nel giro di 3 anni

Aperta oggi a Rimini l’ottava edizione di My Special Car Show, il Salone del tuning e dell’auto sportiva in programma presso i padiglioni fieristici. Un appuntamento che richiama espositori ed appassionati da tutta Italia, alla ricerca di tutto quanto fa tendenza nel settore della personalizzazione delle auto.

Un settore, quello del tuning, che vale 1,2 miliardi di euro all’anno nonostante il 2009 si sia chiuso con un 8% in meno di fatturato nonostante il decreto Milleproroghe del 2008 abbia portato a una potenziale liberalizzazione che dovrebbe consentire nei prossimi anni uno sviluppo del settore. L’Italia, a sentire gli addetti ai lavori, ha storicamente penalizzato il tuning con norme molto restrittive.

“La manifestazione – ha detto Giada Michetti, amministratore delegato di GL events Italia, società organizzatrice – occupa quest’anno tutti e 26 i padiglioni della fiera, segno che il salone ha mantenuto la propria posizione. Siamo particolarmente fieri della partecipazione di Citroen con uno spazio dedicato al prodotto: la casa è infatti presente con cinque DS3, tra cui DS3 Racing, la sportiva”.[!BANNER]

My Special Car Show si conferma anche per Abarth una straordinaria occasione per comunicare ai propri club e ai visitatori lo spirito del brand, organizzando un grande raduno che culminerà nella giornata di domani sabato 27 marzo.

Il programma di eventi coinvolge anche un’area esterna al quartiere espositivo, con alcuni test drive. In fiera, oltre alle realtà che operano nel settore del car hi-fi, ci sono nomi nel campo della componentistica auto, della preparazione del tuning, dell’elettronica e della cura e della manutenzione dell’auto.

Secondo Gian Primo Quagliano, direttore del centro studi Promotor-GL events, dall’entrata a regime del nuovo sistema che sta formandosi in seguito al decreto Milleproroghe, ci si può attendere che il fatturato della personalizzazione dell’auto possa triplicare in tre anni.