A Ginevra, Honda fa il pieno di ibride

L’amminstratore delegato ha presentato al pubblico tutte le ibride e le elettriche Honda che sono già in commercio o che stanno per esserlo

A Ginevra, Honda fa il pieno di ibride

di Andrea Barbieri Carones

04 marzo 2010

L’amminstratore delegato ha presentato al pubblico tutte le ibride e le elettriche Honda che sono già in commercio o che stanno per esserlo

L’amministratore delegato di HondaTakanobu Ito, è intervenuto al Salone di Ginevra per parlare di alcune delle novità che la casa nipponica presenterà nel corso dell’anno.

Naturalmente la riduzione delle emissioni è ormai diventato un “must” per tutti i costruttori. Ed è per questo che la casa ha costruito la FCX Clarity, la vettura a celle di idrogeno che alimentano un motore elettrico da 134 CV con un’autonomia di 460 chilometri. 

A questo punto sorge spontanea la domanda: dove si prenderà l’idrogeno? “Siamo leader nello sviluppo di nuove tecnologie basate su questo carburante” ha detto. “Recentemente abbiamo sviluppato una stazione di rifornimento a idrogeno solare compattato, in grado di essere immesso nel serbatoio senza creare problemi al punto da poter essere prodotto anche in casa”.[!BANNER]

La presentazione delle emissioni zero prosegue con 2 modelli destinati ai chi fa il pendolare in auto ogni giorno per recarsi al lavoro. Sono così nate la  EV-N, un progetto per la più piccola city car al mondo in grado di trasportare 4 persone, e la 3R-C, un prototipo di city car a 3 ruote per una sola persona. Entrambe con motore elettrico.

Un occhio di riguardo anche alle auto ibride, considerate oggi le più affidabili per abbattere le emissioni di CO2: la Jazz hybrid sarà introdotta in Europa all’inizio del 2011, seguendo la Civic Hybrid, la Insight e la nuova sportiva CR-Z. Quest’ultima, in particolare, combina un motore ibrido con trasmissione manuale a 6 velocità con uno stile da coupé.