Smart: 300 miglia per arrivare al Motor Show

Attraverso le strade della Mille Miglia al volante della Fortwo Turbo Twinamic

Smart: 300 miglia per arrivare al Motor Show

di Valerio Verdone

06 dicembre 2016

Attraverso le strade della Mille Miglia al volante della Fortwo Turbo Twinamic

Ci sono tanti modi per arrivare al Motor Show di Bologna, uno di questi, decisamente singolare, è quello di mettersi al volante di una Smart affrontando una gara di regolarità di circa 500 chilometri. Noi di Motori.it, insieme ad altri colleghi, abbiamo scelto questa opzione, magari avventurosa e, per certi versi, impegnativa, ma sicuramente romantica, in un mondo dove la passione spesso lascia il posto alla razionalità. Ecco, la passione, la stessa che, da sempre, propone la formula della kermesse bolognese, fatta di supercar, spettacolo ed esibizioni, oltre alle immancabili novità di prodotto.

Partenza il primo dicembre verso le 12.00, dalla sede di Mercedes Italia, a Roma, e poi via per una serie di tappe fino alle 21.00, dove, cronometro e road book nelle mani del navigatore, tutti abbiamo cercato di rispettare i tempi stabiliti per ogni controllo. La piccola Smart ci ha condotto ovunque, dall’autostrada ai percorsi sterrati, perché quando si è concentrati ma non si conosce la strada è semplice perdersi per poi cercare di recuperare in fretta la via giusta.

Il 3 cilindri 900 turbo ha rappresentato una colonna sonora accattivante, soprattutto quando ci siamo ritrovati nei pressi di Radicofani per poi risalire le strade della Val d’Orcia, uno dei tratti più affascinanti della Mille Miglia, competizione che la Mercedes, a cui Smart appartiene, ha dominato in passato con la mitica 300 SL nel lontano 1955.

Comunque, non sono mancati i tratti autostradali, dove il cambio a doppia frizione ha assecondato il piccolo propulsore facendolo distendere con naturalezza e favorendo medie di consumo interessanti. C’è stato anche il tempo per cimentarsi in un paio di giri del Kartodromo di Siena, dove, nonostante i tempi imposti, è stato divertente guidare una piccola con passo corto, motore centrale sovralimentato e cambio con paddle dietro il volante.

La mattina del 2 dicembre, il giorno dedicato alla stampa, entrare nell’area 48, teatro delle mitiche sfide del Motor Show, e girare sul quel percorso che in molti, durante l’adolescenza, abbiamo visto in televisione o solamente da spettatori, è stato un evento nell’evento.

Il tutto si è concluso con la presentazione della nuova Forfour electric drive e con la simpatica ForFood, pronta per cucinare, e allestita con la collaborazione prestigiosa dello chef Davide Oldani. Insomma, la giornata ideale per festeggiare anche i 18 anni di Smart, la piccola che ha rivoluzionato la guida in città e che è entrata nel cuore di 500 mila italiani dalla sua nascita, automobilisti che l’hanno scelta per le sue qualità uniche, capaci di renderla un riferimento tra le citycar ancora oggi.