Audi Sport: prova della gamma sportiva ad Imola

Una pista leggendaria per il nuovo Brand Audi Sport, dove abbiamo potuto guidare le sportive più estreme.

Audi Sport: in pista ad Imola

Altre foto »

Il colpo d'occhio è sensazionale: la corsia dei box dell'autodromo di Imola vede schierate le sportive Audi, dalla RS3 alla R8, passando per la RS6 Avant e la RS7 Sportback nella cattivissima variante performance. Il motivo? Audi Sport diventa un Brand a sé stante, con sede a Neuburg, dove lavorano ben 460 dipendenti e nel quale si trova un circuito per effettuare importanti test dinamici. D'altra parte, dal 2001 lo sport è diventato un laboratorio di sperimentazione per trasferire le migliorie tecniche ai modelli di serie, ed il legame con le competizioni fa parte del DNA Audi visto che, dal 1981, la Casa di Ingolstadt ha conquistato 11 Campionati DTM, 3 mondiali rally e 5 campionati turismo, oltre a tredici 24 Ore di Le Mans e ad 11 mondiali ALMS/WEC.

Per diffondere le caratteristiche del nuovo Brand Audi Sport, ovvero tecnologia, prestazioni, eleganza, trazione integrale quattro e puro piacere di guida, Audi Italia ha lavorato su una comunicazione specifica e su una rete composta da 17 concessionarie specializzate sui prodotti firmati in questione.

Tutto questo servirà ad accogliere e a lanciare al meglio nuovi prodotti del calibro della nuova R8 V10 Spyder, oltre alle TT RS coupé e roadster, ed alla RS Q3, che trasporta la gamma Audi Sport sulle ruote alte. Dietro questa operazione strategica c'è anche un uomo che è prima di tutto un pilota, ovvero Dindo Capello, assoluto protagonista di Le Mans con la Casa dei Quattro Anelli.

"Audi Sport l'ho portato sul petto per 20 anni ed il Brand Audi Sport è la realizzazione di un'idea che ho sempre avuto e che speravo potesse diventare realtà. Oggi, a livello di concessionarie possiamo mettere in pratica tutto quello che abbiamo imparato nel motorsport".

Parole importanti, a cui seguono altre dichiarazioni significative: "In pista abbiamo sviluppato soluzioni che oggi abbiamo traslato sulle auto stradali. Il fatto che l'Audi si sia concentrata su Le Mans oggi lo ritrovo nella grande guidabilità di una R8 che può fare oltre 100 mila chilometri senza problemi, ma con prestazioni top".

E ancora: "Il cliente Audi Sport vuole sentirsi coccolato come un pilota, quindi ci sarà un angolo a parte, in concessionaria, con personale specializzato. Il cliente Audi Sport deve essere motivato come un pilota che chiede la collaborazione dei tecnici ai box. Inoltre, ogni concessionaria Audi Sport organizzerà eventi in pista con i clienti, anche provenienti dai marchi concorrenti".

Insomma, cambierà l'approccio in un mercato che cerca sempre di più un trattamento particolare del cliente, e all'Audi questo l'hanno capito da un pezzo, ma adesso, hanno trovato il modo di mettere in pratica tutta la loro esperienza nel settore sportivo, alla loro maniera: con tanta professionalità. D'altra parte, il prodotto ha già una gamma a sé stante, che rappresenta il massimo dell'espressione automobilistica dei Quattro Anelli e che si sta allargando sempre di più per offrire una super sportiva Audi per ogni segmento.

Comunque, per capire di cosa stiamo parlando, abbiamo indossato il casco e siamo scesi in pista, ad Imola, tra curve mozzafiato e variazioni di pendenza da togliere il fiato. Siamo partiti a bordo di una RS6 Avant performance, all'apparenza paciosa, con la sua aria rassicurante da familiare sportiva, ma il suo V8 4 litri sovralimentato da ben 605 CV ha messo subito in chiaro le cose già dalla partenza della corsia box. Tra le curve e in staccata il peso si fa sentire, ma la trazione integrale Quattro mantiene sempre la situazione sotto controllo e la wagon in veste sportiva stupisce per la rapidità con cui prende i giri e ci scaraventa da una curva all'altra.

Passiamo alla RS7 Sportback performance, la potenza è la stessa, e anche le dimensioni sono simili, ma la coupé a quattro porte sembra avere un pizzico d'agilità in più; dopo tutto, iniziamo a prendere confidenza con la pista e le manovre sembrano più fluide.

Cambiamo ancora, e saliamo su una RS3, decisamente più piccola, ma non per questo meno cattiva, con il suo 5 cilindri turbo 2.5 da 367 CV ed un peso più contenuto. La rivale della Mercedes Classe A 45 AMG e della Ford Focus RS spinge fortissimo ed il suo cuore compatto respira a pieni polmoni mentre l'avantreno s'inserisce agilissimo tra le prime curve del tracciato, poi, nei cambiamenti di pendenza, "vola come una farfalla e punge come un'ape", citando Muhammad Ali. Con il piccolo volante tra le mani sembra possibile fare qualsiasi cosa e il bello è che sul veloce rimane stabile nonostante la sua leggerezza nel misto.

Quindi, arriva il momento di passare a lei, la regina indiscussa della gamma Audi Sport, la R8 V10 Plus. L'esperienza è di quelle che lasciano senza fiato, perché il V10 aspirato, lo stesso della Lamborghini Huracan, allunga con una progressione che spezza il respiro, non c'è tempo per leggere i numeri impazziti della strumentazione digitale, capiamo di essere a limitatore solo quando si colora di rosso, ma a quel punto ecco che la staccata si avvicina e bisogna affidarsi all'impianto frenante carboceramico per fermarsi in tempo. La cosa più sorprendente, anche dopo diversi giri di pista, e che pista, è che la R8 sembra frenare sempre meglio e presto ci accorgiamo che potevamo staccare sempre più avanti del giro precedente. L'emozione della sportiva madre di Ingolstadt, ad Imola, è difficile da spiegare, è pura adrenalina, con le ruote sempre aggrappate all'asfalto e il motore che risuona note da Formula 1 dietro la schiena. Tutto è calibrato per rendere le operazioni agevoli, ma rimaniamo stupiti quando capiamo che sembra leggerci nel pensiero, facendo sempre, esattamente, la manovra che stavamo pensando. Ecco, se c'era un modo per concludere al meglio l'esperienza Audi Sport in una giornata vissuta al doppio della velocità rispetto a quelle normali, non poteva che essere questo, su una R8 di ultima generazione, che segna un deciso passo avanti rispetto a quella precedente, e sfida i mostri sacri dell'automobilismo sportivo senza timori reverenziali. Alla fine, dopo aver vissuto accelerazioni laterali da caccia militare, non c'è stato bisogno di alzare il plexiglass di protezione della carlinga per scendere, ma è bastato aprire un semplice sportello.

 

Se vuoi aggiornamenti su AUDI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 21 marzo 2016

Altro su Audi

Audi, in arrivo 3 modelli elettrici entro il 2020
Ecologiche

Audi, in arrivo 3 modelli elettrici entro il 2020

La Casa dei quattro anelli realizzerà 3 veicoli elettrici entro il 2020 che rientreranno nella nuova strategia ecosostenibile del Gruppo Volkswagen.

Audi Q2 e A5 Coupé: prezzi da 26.200 e 46.150 euro
Ultimi arrivi

Audi Q2 e A5 Coupé: prezzi da 26.200 e 46.150 euro

La nuova Suv di segmento B e la coupé derivata da A4 debuttano in Italia con motorizzazioni benzina e turbodiesel. La commercializzazione a novembre.

Audi Q8: il nuovo Suv-coupé arriva nel 2018?
Anteprime

Audi Q8: il nuovo Suv-coupé arriva nel 2018?

Sarà la sorella maggiore dell'Audi Q7 e avrà un'impostazione più sportiva con carrozzeria coupé.