Nissan: la nuova gamma... a tutto crossover

Il costruttore giapponese presenta la nuova gamma sportiva a ruote alte, con motorizzazioni da 163 a 218 CV.

Nissan evento crossover

Altre foto »

I crossover Nissan smettono i panni da lavoro, indossano potenti motori a benzina 1.6 da 163 CV e 218 CV e puntano verso nuove ambizioni commerciali. Conquistato il pubblico generalista (sono oltre 2,5 milioni le Qashqai vendute nel mondo dal 2007), la Casa giapponese va a caccia di una nuova nicchia di mercato: quella composta dagli automobilisti con il piede pesante. Evidentemente, l'operazione Juke, con oltre l'80% dei clienti provenienti da un mercato di conquista, ha fatto scuola, ed ha spinto i vertici Nissan ad osare sempre di più. Certo, non è facile comprendere la reale esigenza di vetture a ruote alte con tanti cavalli sotto il cofano, ma l'appartenenza delle varie Qashqai DIG-T 163, X-Trail DIG-T 163 e Juke Nismo RS alla categoria dei crossover offre la possibilità di uscire dagli schemi prefissati e d'interpretare l'auto secondo vedute inconsuete, audaci, e a tratti persino bizzarre.

Comunque bisogna dirlo, alla Nissan hanno coraggio, voglia di osare, e lo dimostra il fatto che in questa nostra sortita in Svizzera, oltre a modelli destinati alla produzione di serie, c'era una vettura laboratorio a dir poco mostruosa: la cattivissima Juke-R 2.0 da 600 CV. Ed è proprio partendo dalla presa di contatto con questa sorta di Frankenstein a quattro ruote che riusciamo a comprendere la filosofia degli altri crossover sportivi della Casa del Sol Levante.

Su una pista d'atterraggio per ultraleggeri sotto le Alpi, una Juke fa la voce grossa, mostra i muscoli, è lei, la R 2.0, un esemplare unico dal valore di circa 500.000 euro che nasconde la meccanica della sportivissima GT-R. Nera, con un corpo vettura opaco e appendici aerodinamiche pronunciate, potrebbe benissimo essere l'auto di Batman.

Prendiamo posto nel sedile da corsa, facendo attenzione a saltare al di là del roll-bar, inseriamo la chiave a sinistra, come sulle vetture che correvano a Le Mans ai tempi d'oro, e spingiamo il pulsante rosso che emerge dal tunnel centrale. Il 6 cilindri biturbo prende vita, e con il casco ben allacciato partiamo nell'iperspazio, divorando metri d'asfalto in pochi istanti e sperimentando un'accelerazione laterale degna di una centrifuga. Ci vuole poco per capire che è una vettura per cuori impavidi, che stride e si muove rapidamente grazie alla pantagruelica cavalleria unita al passo corto. Chiaramente, non è equilibrata come le supercar a Baricentro basso, ma il suo fascino esotico non ha pari e invoglia a cercare il limite, tanto che il collaudatore Nissan ci intima di non forzare troppo l'andatura.

Con l'adrenalina in circolo saliamo sulla Juke Nismo RS, sorella civile del prototipo da pista, per capire se la verve della Juke-R ha influenzato anche il modello stradale. Il quattro cilindri 1.6 sovralimentato da 218 CV, lo stesso della recente Renault Clio R.S. Trophy, spinge bene e su strada ha potenza da vendere, al punto da produrre reazioni sullo sterzo quando si inizia a forzare l'andatura. Buona la manovrabilità del cambio a 6 marce, per certi versi preferibile al doppia frizione presente sulla cugina transalpina, rigido l'assetto, che fa pandant con dei sedili sportivi dall'abbraccio generoso, gradevole il rombo in accelerazione. Questo crossover sportivo riesce ad adattarsi alle svariate situazioni d'utilizzo, con il motore che mantiene la voce sommessa quando si viaggia a velocità di crociera, per poi lanciare un grido di battaglia nella guida impegnata. Certo, la rigidezza delle sospensioni non aiuta nel quotidiano, così come i sedili sportivi, che complicano le operazioni d'accesso e d'uscita dall'abitacolo, ma la sportività, è risaputo, impone dei sacrifici.

Meno estremo ma non per questo poco sportivo, il nuovo DIG-T 163 che equipaggia Qashqai ed X-Trail. Con 163 CV e 240 Nm il propulsore in questione ha tutte le carte in regola per spingere con disinvoltura i due crossover più grandi della gamma Nissan, e lo dimostrano gli 8,9 secondi necessari alla Qashqai per toccare i 100 km/h con partenza da fermo. Nonostante il downsizing, la risposta del motore è sempre pronta e reattiva, favorita da una coppia costante che viene erogata tra i 2.000 ed i 4.000 giri. Purtroppo, il riuscito accoppiamento con la trasmissione manuale a 6 marce è in parte compromesso dalla manovrabilità perfettibile della leva, che costringe a movimenti poco fluidi per via della sua posizione leggermente arretrata.

Con questo tris di modelli turbo benzina, la Nissan rilancia al tavolo dei crossover, offrendo una scelta più ampia agli estimatori delle ruote alte. Un'operazione dettata dalla crescita costante del segmento e dalla necessità di rispondere ad una concorrenza sempre più agguerrita ed attrezzata.

Se vuoi aggiornamenti su NISSAN inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 28 settembre 2015

Altro su Nissan

Nuova Nissan Micra: in anteprima al Motor Show 2016
Anteprime

Nuova Nissan Micra: in anteprima al Motor Show 2016

L’ultima generazione della citycar giapponese sarà ospitata presso lo stand del Car Of The Year al Padiglione 26, del Motor Show di Bologna

Nissan: partnership con l’AS Roma per la mobilità elettrica
Attualità

Nissan: partnership con l’AS Roma per la mobilità elettrica

Accordo con la squadra capitolina per diffondere i valori dei trasporti ad impatto zero

Nissan X-Trail: nuovo motore 2.0 turbodiesel 177 CV
Anteprime

Nissan X-Trail: nuovo motore 2.0 turbodiesel 177 CV

Maggiore elasticità di marcia, ancora più versatile: Nissan X-Trail si arricchisce con il nuovo 2.0 td abbinato alla trasmissione automatica CVT.