Ferrari al Motor Show di Bologna 2014

Le rosse di Maranello infiammano di passione la kermesse bolognese.

La Ferrari fa la voce grossa a Bologna, e al Motor Show 2014 mette in mostra vetture di tutte le epoche, dalle F1, alle sportive di oggi, passando per alcune auto da corsa a ruote coperte. Uno spettacolo per gli occhi e per il cuore degli appassionati che vale il prezzo del biglietto.

Si comincia con le Formula 1, tra cui spiccano la monoposto di Mansell, una più moderna ma non meno affascinante, e la leggendaria 126 CK del 1981 che fu del funambolico ed indimenticato Gilles Villeneuve. Inoltre, per i più audaci c'è la possibilità di cimentarsi con 2 simulatori.

Oltre a delle classiche che hanno raggiunto delle quotazioni da capogiro come la 275 GTB4 in una stupenda livrea gialla, troviamo la versione da gara della 550 Maranello, il prototipo della 599 dedicato al progetto per i clienti sportivi e la strepitosa 458 Speciale.

Infine, tra le varie chicche, bisogna annoverare assolutamente, la 288 GTO del 1984, la F40 e, soprattutto, il prototipo da cui derivò quest'ultima. Una trilogia incredibile che capita davvero poche volte di poter osservare dal vivo.

Completa lo stand, insieme ad altre "rosse" di ieri e di oggi, la potentissima F12, che dall'alto dei suoi 740 CV porta il concetto di gran turismo in un'altra dimensione. 

 

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 05 dicembre 2014

Altro su Ferrari

Ferrari 812 Superfast: la più potente di sempre
Anteprime

Ferrari 812 Superfast: la più potente di sempre

La nuova 12 cilindri della Casa di Maranello sfoggia un design aggressivo e a tratti retrò abbinato ad un potentissimo 12 cilindri aspirato da 800 CV.

Ferrari: una F12 tdf per Horacio Pagani
Curiosità

Ferrari: una F12 tdf per Horacio Pagani

Una Ferrari personalizzata per la collezione privata del costruttore italoargentino.

Ferrari: inediti modelli nel suo futuro
Anteprime

Ferrari: inediti modelli nel suo futuro

Secondo Marchionne ci sarebbe "un enorme terreno inesplorato". Un'affermazione che apre nuovi scenari per la gamma del prossimo futuro.