Monza 2015: Alfa Romeo celebra i 90 anni dal primo titolo mondiale

Dal 1925 al 2015, dalla P2 alla attesa Giulia: al GP d'Italia, Alfa Romeo propone una serie di iniziative dedicate agli appassionati.

Alfa Romeo Giulia: i render ne anticipano l'aspetto

Altre foto »

No, non è del tutto preciso indicare il 1950 quale primo anno della F1: la data può indicare l'inizio della massima Formula in termini "moderni"; seppure secondo modalità differenti, il Campionato del mondo si disputò già un quarto di secolo prima, nel 1925, e vide primeggiare proprio Alfa Romeo, che con la leggendaria "P2" progettata da Vittorio Jano conquistò il primo dei suoi cinque titoli mondiali. Al volante della vettura, un personaggio rimasto nella storia dell'automobilismo sportivo: il focoso, impetuoso Gastone Brilli - Peri, conte fiorentino che ha scritto pagine memorabili nell'"age d'or" delle competizioni. Teatro della conquista del primo alloro mondiale per Alfa Romeo, l'Autodromo di Monza, allora "giovane" (era stato inaugurato nel 1922) ma già punto di riferimento per Case costruttrici e piloti. La data (6 settembre 1925) e l'episodio, che rappresenta il primo sigillo da incorniciare per il marchio del Biscione, viene celebrato questo fine settimana, in occasione del GP d'Italia di F1. L'anniversario, che incidentalmente coinciderà come data (6 settembre) verrà festeggiato da Alfa Romeo con una serie di attività ed eventi, a testimonianza del concreto legame a filo doppio tra Alfa Romeo e l'Autodromo di Monza, due realtà da sempre vicine fra loro: la vicinanza geografica, le caratteristiche del tracciato (soprattutto nella "antica" configurazione velocissima), che fino agli anni 60 - quando venne creato il Centro Sperimentale di Balocco (Vercelli) - lo resero un banco di prova straordinario per la produzione Alfa Romeo.

Più nel dettaglio, nei pressi dell'ingresso all'Autodromo di Monza viene allestita un'area espositiva nella quale i visitatori avranno modo di osservare da vicino le più recenti novità Alfa Romeo: la 4C Spider, la attesissima Giulia Quadrifoglio, la versione Racer di MiTo e la Giulietta Sprint Speciale. "Regina" dei modelli in esposizione sarà la versione "alto di gamma" della nuovissima Giulia, che porta al debutto il V6 3.0 benzina turbocompresso da 510 CV la cui progettazione si deve all'expertise Ferrari in materia di tecnologia e know how.

Inoltre, per i visitatori dello stand Alfa Romeo all'Autodromo di Monza sarà disponibile uno speciale visore per la realtà virtuale, che permetterà al pubblico di vivere in prima persona l'esperienza di guida a bordo di Alfa Romeo 4C. E ci sarà anche spazio per ammirare alcuni dei capitoli - chiave nella storia sportiva di Alfa Romeo: cinque pannelli fotografici testimonieranno altrettante vittorie del Biscione a Monza: Gastone Brilli - Peri su Alfa Romeo P2 (che il 6 settembre 1925, alla media di oltre 152 km/h e in un tempo totale di 5 ore, 14 minuti e 33 secondi, tagliò per primo il traguardo, distanziando di tre secondi - un'inezia in una gara di 800 km che venne suddivisa in 80 giri del tracciato di 10 km - la "P2" gemella di Giuseppe Campari), Giuseppe "Nino" Farina su Alfetta 158 (3 settembre 1950), Andrea de Adamich e Alessandro Arcioni su Giulia TI Super (19 marzo 1965), Andrea de Adamich e Teodoro Zeccoli su Giulia GTA (20 marzo 1966) e Arturo Merzario e Jacques Laffite su 33 TT 12 (20 aprile 1975).

Tuttavia, i successi Alfa Romeo a Monza sono molto più numerosi: il tracciato brianzolo annovera le vittorie della "Tipo A" (1931, con Tazio Nuvolari e Giuseppe Campari), della "Tipo B P3" (1932, sempre con Tazio Nuvolari e 1933, con Luigi Fagioli), della Giulia TZ (Coppa Fisa 1963, stagione che segnò l'avvento di Autodelta), della Gta "regina delle Turismo" (innumerevoli le sue vittorie a Monza, dal 1965 ai primi anni 70), della 33 TT12 (1000 Km di Monza 1974, 1975 e 1977 nella versione "SC 12"), della 75 Turbo Evoluione fra gli anni 80 e 90, della 155 Gta "SuperTurismo" (1992) e, all'inizio degli anni Duemila, con la 156 SuperTurismo che s'impone nel campionato europeo Etcc nel 2001, 2003 e 2004 e nel campionato mondiale Wtcc nel 2005 e 2006.

 

Se vuoi aggiornamenti su ALFA ROMEO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 04 settembre 2015

Altro su Alfa Romeo

Alfa Romeo Giulia Sportwagon: cancellata la produzione
Mercato

Alfa Romeo Giulia Sportwagon: cancellata la produzione

I dirigenti Alfa hanno bocciato la Giulia Sportwagon, che quindi non arriverà mai sul mercato. Il marchio punta sul nuovo SUV Stelvio.

Fca: la piattaforma Giorgio anche per Jeep, Dodge e Maserati?
Anteprime

Fca: la piattaforma Giorgio anche per Jeep, Dodge e Maserati?

Fonti Web rivelano che Fca, per compensare i costi di rilancio Alfa Romeo, potrebbe far adottare il nuovo pianale da un’ampia gamma di modelli.

Alfa Romeo Stelvio First Edition, prezzo da 57.300 euro
Ultimi arrivi

Alfa Romeo Stelvio First Edition, prezzo da 57.300 euro

La versione di lancio dell’Alfa Romeo Stelvio vanta una dotazione full-optional e il potente motore a benzina 2.0 litri Turbo da 280 CV.