Volkswagen al Salone di Parigi 2012

In occasione della kermesse francese, l’attesa VW Golf 7 è stata affiancate da 2 varianti che ne interpretano perfettamente la versatilità.

Volkswagen al Salone di Parigi 2012

Tutto su: Volkswagen Golf

di Francesco Donnici

28 settembre 2012

In occasione della kermesse francese, l’attesa VW Golf 7 è stata affiancate da 2 varianti che ne interpretano perfettamente la versatilità.

La protagonista indiscussa dello stand Volkswagen presente al Salone di Parigi 2012 è sicuramente la nuova Golf 7, presentata in anteprima mondiale in occasione della kermesse francese. Il debutto della settima generazione della media di Wolfsburg, viene accompagnata da alcune varianti – realizzate sotto forma di concept car – capaci di aumentare ancora di più l’interesse verso l’inedita due volumi teutonica.

Volkswagen Golf GTI concept

Al fianco della Golf 7 è stata presentata l’ormai celebre variante sportiva denominata GTI ed equipaggiata da un quattro cilindri 2.0 litri  turbo, capace di erogare una potenza di 220 cavalli, ovvero 20 CV in più rispetto al modello che andrà a sostituire. Esteticamente la vettura si presenta come una degna evoluzione precedente GTI, conservando tutte quelle caratteristiche distintive che hanno fatto la fortuna del modello, come ad esempio la griglia anteriore con disegno a nido d’ape e profilo di colore rosso, i due scarichi cromati e realizzati in acciaio inox, mentre i cerchi in lega modello Denver sfoggiano un disegno inedito.

Volkswagen Golf BlueMotion Concept

Un’altra interessante novità – sicuramente meno emozionale della GTI, ma molto più pratica in questi tempi di recessione – è rappresentata dalla Golf BlueMotion Concept, versione ecosostenibile della due volumi tedesca, capace di offrire un consumo medio di soli 3,2 litri/100km, mentre le emissioni nocive di CO2 risultano pari a 85 g/Km. Queste performance vengono ottenute grazie all’utilizzo dell’efficiente propulsore quattro cilindri 1.6 litri TDI, capace di erogare 110 CV e 250 Nm di coppia motrice, quest’ultima disponibile in un arco di giri compreso fra i 1.500 ed i 2.750. Ad aiutare le doti econome dell’ottimo propulsore sono stati gli interventi mirati degli ingegneri Volkswagen che sono intervenuti sulla massa della vettura – alleggerita di ben 63 kg – sul cambio manuale dotato di 5 rapporti allungati, sull’aggiunta del sistema Stop&Start dotato del dispositivo di recupero di energia in frenata e infine sull’adozione di pneumatici a bassa resistenza di rotolamento.

Al momento della commercializzazione, la Volkswagen Golf BlueMotion verrà offerta negli allestimenti Trendline e Comfortline, ed entrambe le versioni  monteranno di serie un set di serie cerchi in lega da 15 o 16 pollici, realizzati specificatamente per questo modello. Particolarmente curata la dotazione di serie anche nell’allestimento base, che comprenderà tra le altre cose la presenza climatizzatore, degli specchietti retrovisori dotati di regolazione elettrica, del differenziale elettronico XDS, del dispositivo di controllo della pressione delle gomme e  del sedile di guida regolabile in altezza.