Maserati Biturbo: raduno per festeggiare i 30 anni

Si è tenuto nei pressi di Modena il raduno organizzato per festeggiare i 30 della Maserati Biturbo, un modello che continua a far sognare i fan.

Maserati Biturbo: raduno per festeggiare i 30 anni

di Giuseppe Cutrone

05 luglio 2012

Si è tenuto nei pressi di Modena il raduno organizzato per festeggiare i 30 della Maserati Biturbo, un modello che continua a far sognare i fan.

Si è svolto in occasione del trentesimo compleanno della Maserati Biturbo il raduno celebrativo organizzato dal Biturbo Club Italia con la collaborazione del Maserati Club Italia e il patrocinio del Comune di Modena.

All’evento, durato un intero fine settimana e tenutosi a Modena, si è potuta ammirare tutta la produzione della Maserati Biturbo, partendo dalla primissima serie, per finire con tutte le varianti che negli anni sono derivate dal modello, comprese la serie 4, caratterizzata dalle quattro porte, le spyder le più recenti 3.200 GT e Quattroporte.

Alcuni equipaggi arrivati da lontano sono stati accolti presso la sede Maserati e hanno approfittato dell’occasione per visitare lo stabilimento del Tridente, mentre non è mancato un gradito momento avvenuto al ristorante “La Secchia Rapita”, dove c’è stato l’incontro con Pierangelo Andreani, l’uomo che disegnò la Maserati Biturbo dando forma e stile a quello che viene considerato uno dei miti delle sportive italiane.

Non sono mancate le premiazioni per alcuni dei modelli presenti, tra cui la Biturbo meglio conservata e quella più piacevole scelta dallo stesso Andreani, mentre è stato un momento adrenalinico la tappa che ha portato vetture ed equipaggi al nuovo Autodromo di Modena, dove si sono potute ammirare mentre rombavano in pista alcune delle più belle Maserati Biturbo da competizione, come la Biturbo Gruppo A, la Ghibli Open Cup e la Barchetta, 320S.

Il bilancio del raduno della Maserati Biturbo, che tra l’altro ha consentito di raccogliere fondi per oltre 2.300 euro da consegnare alle vittime del terremoto che ha colpito l’Emilia Romagna, ha visto la partecipazione di ben 78 vetture e di equipaggi provenienti da sei diverse nazioni estere, segno di un successo continuo per una vettura senza tempo.