Mercedes 300 SL del 1952 al Salone di Detroit

Per festeggiare i 60 anni di vita della SL, Mercedes porta a Detroit il più antico esemplare perfettamente restaurato

Mercedes 300 SL del 1952 al Salone di Detroit

di Simonluca Pini

11 gennaio 2012

Per festeggiare i 60 anni di vita della SL, Mercedes porta a Detroit il più antico esemplare perfettamente restaurato

Non solo novità allo stand Mercedes al Salone di Detroit. Il costruttore tedesco ha presentato al Detroit Auto Show 2012 la 300 SL serie W 194 del 1952. Sottoposta dal Mercedes-Benz Classic Center di Fellbach ad un restauro totale durato 10 mesi, il secondo esemplare della 300 SL (il primo è andato distrutto) vuole celebrare a Detroit i sessant’anni di carriera della leggendaria coupé ad ali di gabbiano.

Esposta al fianco della nuova Mercedes SL, la 300 SL del 1952 con numero di telaio 194 010 00002/52 è stata smontata componente per componente e riportata all’antico splendore. La missione dei tecnici Mercedes è stata chiara fin dall’inizio: massima fedeltà all’originale sotto ogni punto di vista. Il restauro della carrozzeria in alluminio/magnesio è stata l’operazione più complessa, con una lavorazione di circa sei mesi. A bordo gli interni non dimostrano i 60 anni di vita alle spalle, con i sedili avvolgenti in lana tartan e il volante a quattro razze rimovibili pronti ad accogliere il fortunato pilota.

Eletta come “Auto sportiva del secolo” nel 1999, la Mercedes 300 SL W194 del 1952 è stata riportata all’antico splendore anche dal punto di vista prestazionale. La motorizzazione sei cilindri in linea assicura una potenza massima di 170 cavalli a 5200 giri/minuto, capaci di lanciare la leggendaria Mercedes 300 SL alla velocità massima di 230 km/h.