Renault Rally Event 2011: un weekend nel Casentino

65 equipaggi sulle piccole sportive Renault hanno animato la kermesse vinta da Gasperetti.

Renault Clio RS Gordini: prova su strada

Altre foto »

"Ma che freddo fa...", diceva una fortunata canzone di tanti anni fa. In effetti, le condizioni meteo hanno recitato un ruolo importante alla prima edizione di Renault Rally Event, gara riservata agli equipaggi che nel 2011 hanno animato i Trofei organizzati nei rally tricolori da Renault Italia attraverso Sport Team Equipment, struttura guidata da Guglielmo Giacomello: Clio R3, Twingo R2 - Trofeo Italia Gordini e Clio RS N3.

Un weekend tipicamente invernale, con pioggia, nebbia e freddo a fare da padroni (e a regalare un ulteriore allure rallystico alla manifestazione) ha accompagnato, dall'inizio alla fine, la cavalcata finale (intesa come stagione 2011) dei 65 migliori interpreti dei Trofei Rally Renault in salsa tricolore.

Renault Rally Event: trofeisti... tutti insieme

Anziché un evento "statico", Renault Italia ha preferito organizzare una manifestazione in linea con lo spirito della specialità, e che esprimesse l'indirizzo sportivo che da sempre fa parte del mondo Renault: impiegare la propria immagine sportiva nella possibilità di entrare nel motorsport ai privati, con attenzione alle gare nazionali, anziché investire in una squadra ufficiale. Una strategia "dal basso" che, dal 2008, ha consentito visto la partecipazione nei Trofei Clio, Twingo e Mégane, di 672 concorrenti, dei quali 198 nel 2011, suddivisi in sette graduatorie.

Ed ecco Renault Rally Event 2011, una finalissima che ha visto la partecipazione di equipaggi provenienti da ogni parte d'Italia: dal Piemonte alla Sicilia. La scelta del tracciato è caduta sulla Toscana nord orientale. Per essere più precisi, sulle tortuose e guidate strade del Casentino, che al principio di ogni estate accolgono i partecipanti al Rally del Casentino.

Clio, Twingo, Mégane e "storiche" in gara

Renault Rally Event è stato creato per riunire, in una sfida incrociata finale, gli equipaggi che nel 2011 si sono distinti nei trofei Clio R3 (suddivisa fra "Top", nelle gare del Cir; "IRC", riservata agli iscritti nell'International Rally Cup; "Zona", per le gare dei nove Challenge di Zona nazionali), Twingo R2 Gordini ("IRC2 e "Zona") e Corri con Clio N3 (animato dalla "sempreverde" Clio RS di classe N3). E non solo: alla gara, infatti, hanno preso parte anche alcuni equipaggi "extra - Trofeo", al volante di Clio RS N3, della eterna Clio Williams di gruppo FA7, Clio Super 1600 e di alcune "storiche" seguite con particolare interesse dal pubblico: fra queste, l'Alpine A110 e la R5 Alpine.

A queste si sono aggiunte alcune "regine" provenienti dal Museo Renault Classic: la Dauphine di Monraisse e Ferrier vincitrice del Rally Montecarlo 1958, una R8 Gordini 1300, la R5 Turbo gruppo 4 di Jean Ragnotti vincitrice del Montecarlo 1981, la R11 Turbo gruppo A dello stesso Ragnotti arrivata... dal Rally Sanremo 1987 e la capostipite della saga Clio: la 1.8 16V gruppo A di Alain Oreille che debuttò al Tour de Corse 1991.

La formula della manifestazione, organizzata da Renault Italia con la collaborazione della Scuderia Etruria, era la Rally 2: una Ronde... raddoppiata, vale a dire con due prove speciali da percorrere due volte (per 60 km cronometrati) a sviluppo... semi segreto: il percorso, infatti, è stato reso noto solo alla consegna del radar agli equipaggi.

Renault Rally Event

Sabato sera, a Bibbiena, è stato salutato vincitore assoluto il pistoiese Federico Gasperetti, coadiuvato da Federico Ferrari. Il portacolori della Pistoia Corse, al volante di una Renault Clio R3C gestita dalla Gima Motorsport ha avuto la meglio sul fresco vincitore del Trofeo Clio R3 Top 2011 Ivan Ferrarotti (in gara con Manuel Fenoli), su Clio - Orange Team per i colori del Best Racing Team.

La gara, che calcisticamente si potrebbe definire una "amichevole", non è stata affatto una passeggiata. Per dimostrarlo, basta considerare solo che il successo finale di Gasperetti è giunto sul filo di lana, grazie a un "grande attack" operato proprio sull'ultima prova speciale: i quattro parziali, infatti, sono stati suddivisi equamente fra il vincitore finale e Ferrarotti.

Interessante, ai fini dell'evoluzione della gamma sportiva Renaut, la partecipazione alla kermesse di Luca Cantamessa. Il driver astigiano, in coppia con Lisa Bollito, apriva le danze di Renault Rally Event con la Renault Mégane RS di gruppo N. Cantamessa si è aggiudicato il successo fra le auto "di serie", tuttavia la soddisfazione è solo parziale: la coupé più performante della famiglia Mégane ha mostrato di essere ancora all'inizio dello sviluppo in chiave rallystica, soprattutto in termini di assetto. Ci auguriamo, visto il notevole potenziale evidenziato nelle prime uscite (prevalentemente nel CIR), che il progetto Mégane venga seguito al meglio nell'imminente pausa invernale.

Incontro ravvicinato con un cinghiale

La cronaca di gara fa registrare anche un gesto di nobiltà sportiva, accaduto proprio nell'ultima prova speciale (la ripetizione di "Talla"): protagonisti gli elbani Andrea Volpi e Simone Scalabrini, che dividevano l'equipaggio di una Clio R3C gestita dalla Sport Rally Team, e l'equipaggio "in rosa" formato da Paola Fedi e Alice Bucci, la cui Clio era uscita di strada dopo un poco piacevole incontro ravvicinato con un cinghiale (avvenimento frequente, in Appennino e al principio dell'inverno, ma da non augurare a nessuno). Volpi e Scalabrini non ci hanno pensato su due volte a fermarsi per soccorrere le due ragazze, che erano rimaste prudentemente nell'abitacolo per paura che l'animale ferito le potesse caricare. I due elbani sono ripartiti solo dopo essersi assicurati che non c'era più alcun pericolo. Un bel gesto, purtroppo ripagato... dall'ultimo posto assoluto sui 52 equipaggi giunti al traguardo. Anche questo (come molto altro) è Rally.

Il "terzo tempo" rugbystico: anche questo è Rally

Sintomatico dell'interesse Renault per le corse e della passione dei praticanti, il folto pubblico che ha seguito le due prove speciali (nonostante le condizioni invernali della giornata) e il "terzo tempo" di stampo rugbystico che ha animato la serata. Una cena di gala, che si è svolta nella maestosa cornice del Castello di Valenzano, ha fatto da antipasto alla premiazione - monstre del Renault Rally Event e della stagione 2011: un appuntamento "obbligato" che si è concluso solo a tarda notte. E questo, ancora una volta, è segno che quando c'è l'occasione di parlare di rally fra appassionati, nessuno vuole andare a dormire.

Se vuoi aggiornamenti su RENAULT inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 05 dicembre 2011

Altro su Renault

Motor Show 2016: in anteprima la nuova Renault Twingo GT
Eventi

Motor Show 2016: in anteprima la nuova Renault Twingo GT

La nuova edizione sportiva della piccola "tuttodietro" è stata sviluppata da Renault Sport: porta in dote 110 CV e un nuovo appeal estetico.

Renault e Dacia: tutte le novità al Motor Show di Bologna 2016
Anteprime

Renault e Dacia: tutte le novità al Motor Show di Bologna 2016

Il Gruppo francese sarà presente al Motor Show di bologna 2016 con tre diversi stand dedicati ai brand Renault e Dacia e ai modelli Renault Sport.

Renault Kadjar HYPNOTIC 110 CV EDC: la prova su strada
Prove su strada

Renault Kadjar HYPNOTIC 110 CV EDC: la prova su strada

L' allestimento speciale la rende ancora più originale nel design, ma ciò che colpisce è la sua facilità di utilizzo nella vita di tutti i giorni.