AMG-Ducati: la partnership continua a Bologna

Presentazione congiunta per la SLK 55 AMG e la Ducati 848 Streetfighter.

AMG-Ducati: la partnership continua a Bologna

Tutto su: Mercedes-Benz

di Valerio Verdone

02 dicembre 2011

Presentazione congiunta per la SLK 55 AMG e la Ducati 848 Streetfighter.

La collaborazione tra AMG e Ducati intrapresa un anno fa procede a gonfie vele e, per celebrarla nel migliore dei modi, è stata organizzata una presentazione simultanea nell’edificio che ospita il museo dedicato al marchio di Borgo Panigale della SLK 55 AMG e della Ducati 848 Streetfighter entrambe nell’inedita livrea Streetfighter Yellow.

Un’unione di colori che celebra una partnership vincente per i due marchi sportivi: la Ducati ha incrementato le vendite conquistando anche il mercato tedesco, attualmente il suo terzo mercato, mentre l’AMG ha conquistato estimatori anche nel mondo delle due ruote. Inoltre, le due Case dall’animo racing si sono sponsorizzate a vicenda, rispettivamente in Moto GP e nella 24 ore di Dubai.

Aggressiva, nella nuova livrea gialla, la SLK 55 AMG, mostra bellissimi cerchi in nero opaco, particolari in nero nel frontale e gli aggressivi scarichi posteriori abbinati ad uno spoiler di piccole dimensioni che le dona un ulteriore tocco di sportività. Gli interni presentano delle cuciture gialle che impreziosiscono l’insieme oltre alle suggestive luci a LED che valorizzano la soglia d’ingresso.

Le prestazioni sono garantite dal V8 5.5 da 422 CV che, grazie al sistema che consente di escludere il funzionamento di 4 cilindri quando si procede ad andature moderate, permette di consumare solamente 8,4 litri per 100 km nel ciclo misto e di emettere 195 g/km di Co2.

Oltre a questo modello, affiancato alla splendita Streetfighter dal medesimo colore, nel piano superiore era presente la nuova Diavel AMG che ripropone il design AMG nei cerchi a doppia stella, nello scarico rettangolare e nell’alcantara della sella. Anche il motore, come quello delle AMG, presenta il nome di chi l’ha controllato prima di farlo uscire dall’azienda.

Non potevano mancare tutte le moto che hanno fatto la storia della Ducati, dal piccolo Cucciolo alla Moto GP di Valentino Rossi, passando attraverso le mitiche superbike dei vari Fogarty, Corser, Bayliss.