Toyota: arriva il social network per le auto ibride

Un nuovo sistema di social networking che dal 2012 sarà disponibile sui modelli elettrici e ibridi di Toyota.

Toyota Auris HSD

Altre foto »

Toyota, in collaborazione con Salesforce.com e Microsoft, renderà disponibile un nuovo sistema di social networking sulle sue auto elettriche e ibride a partire dal 2012.

La sua diffusione avverrà prima in Giappone, poi negli USA e infine in Europa. Per portare a termine questo programma, Toyota e Salesforce.com hanno investito rispettivamente 442 e 223 milioni di Yen.

L'idea è quella di mantenere in contatto, sempre e ovunque, i possessori di auto Toyota: prima tra loro e la propria vettura, poi tra i diversi proprietari in una sorta di Facebook monomarca (ma in questo caso si chiama "Toyota friend") e infine con gli operatori di servizio quali concessionari, officine, stazioni di servizio e altre strutture che nel frattempo aderiranno all'iniziativa.

Non solo più perenne connettività su quattro ruote con l'ausilio di smartphone e tablet, ma un mondo virtuale firmato Toyota per conoscere costantemente lo stato dell'automobile che si sta guidando. Ma tra tutte queste informazioni, qualcuno ci ricorderà anche di mettere la freccia prima di una svolta? Speriamo...

Se vuoi aggiornamenti su TOYOTA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Luca Gastaldi | 24 maggio 2011

Altro su Toyota

Toyota Camry: un teaser anticipa la prossima generazione
Anteprime

Toyota Camry: un teaser anticipa la prossima generazione

La nuova generazione della world car Toyota Camry abbraccerà uno stile più dinamico e sportivo.

Toyota C-HR, elogio della personalità
Ultimi arrivi

Toyota C-HR, elogio della personalità

Estetica "da prototipo", doppia motorizzazione che strizza l’occhio all’ibrido e trazione integrale. La crossover-coupé giapponese sguinzaglia le proprie armi con doti dinamiche sorprendenti.

Toyota: nel 2020 una nuova gamma elettrica extended range?
Ecologiche

Toyota: nel 2020 una nuova gamma elettrica extended range?

Rumors dal Web indicano che il colosso giapponese svilupperà, in tempo per le Olimpiadi di Tokyo, una gamma zero emissioni ad autonomia elevata.