Nuova Nissan Leaf 2018: l’elettrica 2.0 raggiunge i 378 km di autonomia

La nuova generazione della Leaf migliora in ogni suo dettaglio, dal design più curato all’autonomia quasi raddoppiata, passando dai tanti ausili dedicati alla guida.

Nuova Nissan Leaf 2018: l’elettrica 2.0 raggiunge i 378 km di autonomia

Tutto su: Nissan Leaf

di Francesco Donnici

06 settembre 2017

In meno di 7 anni di onorata carriera e con oltre 280mila unità distribuite, la Nissan Leaf è diventata la vettura elettrica più venduta al mondo. Questo incredibile primato ora dovrà essere superato dall’ambiziosa seconda generazione di questa vettura ecosostenibile, svelata proprio in queste ore tramite un’ampia galleria di immagini correlata dai dati tecnici ufficiali.

La rinnovata media cinque porte a trazione elettrica cresce di 3 cm, raggiungendo i 4,48 metri di lunghezza, mentre il design della vettura risulta completamente stravolto. Il look della nuova Leaf sfoggia forme più spigolose e moderne, con il frontale che guadagna l’ormai famosa mascherina a “V” vista sui modelli più recenti della Casa giapponese. Quest’ultima separa i nuovi proiettori che vantano una forma a boomerang, mentre le fiancate risultano più slanciate e muscolose grazie alla forma “sospesa” del tetto capace di regalare un ulteriore tocco di originalità alla vista d’insieme.

L’ambiente interno fa un salto di qualità grazie all’uso di materiali più pregiati e ad una forte iniezione di tecnologia sottolineata dalla presenza della strumentazione digitale abbinata al display da 7 pollici incastonato nella zona superiore della console. Lo schermo offre una visibilità maggiore e fornisce utili dati come quelli relativi all’impianto audio, allo stato di carica della batteria, senza dimenticare le informazioni dell’impianto di navigazione GPS. L’abitacolo permette di ospitare comodamente 5 persone adulte e i loro bagagli – stivati in un vano da 435 litri – mentre la massa dell’auto è stata contenuta entro i 1.535 kg in modo da abbassare i consumi di energia e favorire l’autonomia.

Quest’ultima risulta cresciuta fino a quota 378 km, ovvero un considerevole aumento rispetto alla precedente generazione che risulta ottenuto sfruttando una batteria da ben 40 kWh che va a sostituire le precedenti da 24 e 30 kWh, capaci di offrire rispettivamente 190 o 250 chilometri di autonomia. Con l’uso di una batteria dalla maggiore capacità sono saliti però anche i tempi di ricarica: se si utilizza un impianto domestico da 3 kW si impiegano ben 16 ore per caricare le batterie, il tempo scende però ad 8 ore se si sfrutta un impianto da 6 kW.

L’unità elettrica della nuova Leaf eroga una potenza di 150 CV, ovvero 41 CV in più rispetto al precedente propulsore e una coppia che raggiunge i 320 Nm (+30 Nm). I dati dichiarati parlano di una velocità di punta di 144 km/h, ma i numeri forniti dal motore – specie quelli relativi alla coppia massima – promettono un comportamento molto vivace negli spostamenti urbani. In un secondo momento la gamma della Leaf dovrebbe arricchirsi con versioni equipaggiate da batterie ancora più potenti abbinate ad un motore più prestazionale.

La nuova Leaf si fa apprezzare anche per la sua ricca dotazione di accessori dedicati alla sicurezza e al comfort, tra cui il nuovo sistema di assistenza alla guida ProPilot con start&stop integrato, oppure l’innovativo e-Pedal che in alcune situazioni permette di accelerare e frenare con il medesimo pedale, senza dimenticare il sistema di ausilio al parcheggio ProPilot Park, capace di individuare il parcheggio perfetto per la vettura.