Ferrari: all'orizzonte c'è un "verde" V6?

Luca di Montezemolo ha reso noto che Ferrari è al lavoro per creare un'auto con 6 cilindri e un'ibrida V12 o V8. Il tutto entro il 2014

La domanda è: una Ferrari a 6 cilindri può essere sempre considerata tale? La riposta l'ha data il presidente della Casa del Cavallino, Luca Cordero di Montezemolo, che in questi giorni ha confermato la strategia aziendale di costruire un'auto con questo motore per ridurre emissioni e consumi.

In realtà, chi ha più primavere sulle spalle ricorderà che già nel 1969 la Casa di Maranello costruì un'auto 6 cilindri, la Dino 246, una 2.4 litri disegnata da Pininfarina. Per questo modello, prodotto fino al 1973, fu creato un "sub brand" su misura dal nome del defunto figlio di Enzo Ferrari da diffondere a un prezzo inferiore e con meno pretese, per rivaleggiare con la concorrente Porsche.

Montezemolo ha subito chiarito che il motore 6 cilindri non avrà ripercussioni sulla sportività e sul piacere di guidare dei "piccoli" gioielli di meccanica. Meno male. Intanto il numero uno di Maranello ha reso noto che Ferrari ha confermato quanto esposto al Salone di Ginevra: un'auto ibrida con un V12 che però non sarà in circolazione prima di 3 o 4 anni. Stessi tempi anche per l'ibrido V8, con consumi molto più bassi, ottenuti grazie alla ricerca fatta per le monoposto di Formula 1.

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 09 giugno 2010

Altro su Ferrari

Ferrari 812 Superfast: la più potente di sempre
Anteprime

Ferrari 812 Superfast: la più potente di sempre

La nuova 12 cilindri della Casa di Maranello sfoggia un design aggressivo e a tratti retrò abbinato ad un potentissimo 12 cilindri aspirato da 800 CV.

Ferrari: una F12 tdf per Horacio Pagani
Curiosità

Ferrari: una F12 tdf per Horacio Pagani

Una Ferrari personalizzata per la collezione privata del costruttore italoargentino.

Ferrari: inediti modelli nel suo futuro
Anteprime

Ferrari: inediti modelli nel suo futuro

Secondo Marchionne ci sarebbe "un enorme terreno inesplorato". Un'affermazione che apre nuovi scenari per la gamma del prossimo futuro.