La strategia europea per la mobilità sostenibile

Definite le linee guida comuni a tutti i 27 paesi della Ue relative alle auto elettriche e alle tecnologie verdi in generale

L'Europa ha presentato ieri la sua strategia comune finalizzata allo sviluppo di un sistema di trasporto sostenibile. L'obiettivo è anche quello di favorire la ripresa economica del settore auto puntando sulle nuove opportunità offerte dalle tecnologie verdi. "Nel 2010 l'industria automobilistica entra in una fase decisiva per la sua riuscita" ha detto Antonio Tajani, Vicepresidente della Commissione europea per l'industria e l'imprenditoria, alla presentazione della strategia europea. "Senza un forte lavoro di standardizzazione, credo che sarà difficile sviluppare un mercato per le auto elettriche". Ha poi aggiunto: "Il piano non è un concetto astratto ma un elenco di 40 azioni pratiche".

Le misure che la Commissione dovrà attuare nei prossimi anni sono rivolte a migliorare l'efficienza dei motori convenzionali e ad assicurare ai consumatori europei una mobilità a bassissime emissioni di CO2. Grande attenzione è stata posta sull'elettrico, dal momento che alcuni paesi (come la Danimarca e la Spagna) ed aziende europee ma soprattutto aziende americane ed asiatiche sono molto avanti con lo sviluppo di questa tecnologia, che necessita di standard comuni richiesti da tempo.

Veicoli elettrici

Le azioni specifiche per questo tipo di veicoli hanno lo scopo di assicurarne la sicurezza, che dovrà essere paragonabile a quella delle auto convenzionali. Le regole comuni a riguardo saranno pronte per il 2012 mentre le norme che consentiranno la ricarica su tutto il territorio europeo dovrebbero essere pronte nel 2011. A questo proposito Tajani ha commentato: "E' importante per i cittadini europei poter varcare i confini nazionali e poter ricaricare le proprie auto".

Ma la strategia punta anche ad incoraggiare l'installazione di punti di ricarica pubblici e a promuovere lo sviluppo di reti intelligenti. Si cercherà di regolarizzare anche il riciclaggio e lo smaltimento delle batterie.

Non solo elettrico

La Commissione vuole stabilire anche un nuovo quadro normativo che regolamenterà i requisiti di omologazione per motocicli e quadricicli leggeri e il cosiddetto "marketing verde". La ricerca nelle tecnologie verdi assume un peso importante: l'Europa metterà a disposizione i fondi della banca europea e finanzierà progetti di ricerca secondo una strategia mirata.

Verrà facilitata la comprensione del mercato e una più corretta informazione per i consumatori: viene promosso un progetto che valuti le aspettative dei consumatori e i comportamenti d'acquisto ma anche una "etichettatura" dei veicoli. Si lavorerà per nuove disposizioni in materia di incentivi e tassazione sull'energia.

La UE sollecita poi la creazione di una rete di osservatori nazionali sull'occupazione legata all'Automotive. Infine viene auspicata una revisione della legislazione sulle emissioni di CO2 con standard più stringenti per le autovetture nuove e per i veicoli commerciali.

Le reazioni

Gli ambientalisti in Italia e in Europa, da sempre vicini a queste tematiche, hanno accolto positivamente la nuova strategia europea, ma hanno comunque ribadito l'importanza che l'energia provenga da fonti rinnovabili e che ai proclami seguano poi leggi concrete. "Senza una legislazione ambiziosa, i concorrenti di Asia e America avranno il vantaggio della prima mossa" ha commentato Franziska Achterberg, responsabile trasporti di Greenpeace.

"Le parole costano poco - ha detto Jos Dings, dell'associazione T&E per i trasporti sostenibili - ma la Commissione ha mostrato in passato la tendenza a perdere fermezza quando arriva a fare le proposte normative, come quando ad ottobre ha fissato obbiettivi ridotti riguardo la CO2 dei furgoni".

Se vuoi aggiornamenti su LA STRATEGIA EUROPEA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Tomelleri | 29 aprile 2010

Vedi anche

Peugeot Partner Tepee Electric: versatilità ecosostenibile

Peugeot Partner Tepee Electric: versatilità ecosostenibile

Il nuovo MPV 100% elettrico di Casa Peugepot offre versatilità e capacità di carico ai vertici e costi di gestione e manutenzione molto ridotti.

Toyota, raggiunti i 10 milioni di veicoli ibridi venduti nel mondo

Toyota, raggiunti i 10 milioni di veicoli ibridi venduti nel mondo

La Casa dei tre ellissi e il brand Lexus hanno raggiunto l’incredibile traguardo di 10 milioni di vetture a trazione ibrida distribuite nel mondo.

Nissan e-NV200, arriva l’ufficio mobile ecosostenibile

Nissan e-NV200, arriva l’ufficio mobile ecosostenibile

il veicolo elettrico Nissan e-NV200 si trasforma in un vero e proprio ufficio mobile in grado di rispondere alle necessità lavorative del futuro.