Volvo DRIVe: le “verdi” a Ginevra

Volvo al Salone di Ginevra presenta i 7 modelli DRIVe, la gamma all’insegna del risparmio energetico e della riduzione delle emissioni

Al Salone di Ginevra Volvo presenta la nuova gamma ecologica DRIVe, che comprende sette modelli ottimizzati per ottenere consumi molto ridotti e un bassissimo impatto ambientale.

Assieme alle già note C30, S40 e V50, presentate a Parigi 2008, debutteranno le versioni V70 e S80, dotate di un 1.6 litri diesel da 109 CV, la crossover XC60 e la familiare XC70, con motori 2.4 litri diesel da 175 CV, tutte a trazione anteriore.

L'impronta verde che caratterizza tutta la gamma DRIVe è il risultato di diversi accorgimenti, come l'abbinamento del motore diesel a un cambio manuale ottimizzato, la presenza di un apposito software per la gestione del motore, pneumatici con una minore resistenza al rotolamento e speciali dettagli aerodinamici.

In particolare la V70 è dotata di una griglia frontale carenata e da un assetto ribassato. I motori 2400 cc, inoltre, sono stati implementati con iniettori piezo-elettrici ad alta pressione e turbocompressori, che permettono di raggiungere un'elevata coppia a bassi regimi.

I modelli DRIVe si presentano in tre fasce, legate a tre livelli di emissioni: 120, 140 e 160 grammi di CO2/km, conformi ai rispettivi scaglioni di imposta per i livelli di CO2 ed incentivi statali. Nella fascia più "virtuosa" figurano i modelli C30 (solo 104 gr/km), S40 e V50, dotati di due nuove funzioni intelligenti.

Una è il sistema Start/Stop, che consente un risparmio di carburante medio del 4-5%, che arriva fino all'8% nel percorso cittadino. Quando il conducente innesta la folle e rilascia la frizione, il motore si spegne.

Le funzioni comfort dell'auto però, come il climatizzatore, vengono monitorate dal sistema e attivate solo se necessario, supportate da una batteria supplementare che garantisce inoltre un avvio più rapido e fluido nel momento in cui viene premuta nuovamente la frizione.

Il sistema di ricarica rigenerativa, a sua volta, contribuisce al risparmio di carburante del 2-3%, ricaricando la batteria attraverso lo sfruttamento dell'energia cinetica che si genera quando il conducente rilascia l'acceleratore o frena mentre una marcia è inserita.

La Casa svedese assicura che i valori ottenuti sono risultati da situazioni di utilizzo reali, pienamente riscontrabili, e che tali accorgimenti non pregiudicano minimamente performance e piacere di guida.

Se vuoi aggiornamenti su VOLVO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Nicola Albanese | 26 febbraio 2009

Altro su Volvo

Volvo V90 Cross Country, pronta al debutto
Curiosità

Volvo V90 Cross Country, pronta al debutto

La nuova campagna pubblicitaria dedicata alla Volvo V90 Cross Country sprona le persone a vivere il presente ed a riscoprire le proprie passioni.

Volvo XC40: un nuovo Suv compatto al Salone di Shanghai
Anteprime

Volvo XC40: un nuovo Suv compatto al Salone di Shanghai

Secondo indiscrezioni Web, Volvo svelerà a Shanghai un "baby Sport Utility" sul nuovo pianale Cma; il debutto commerciale è previsto per il 2018.

Volvo XC90 D5: la prova su strada
Prove su strada

Volvo XC90 D5: la prova su strada

Lussuosa, ricca di comfort, sicura e agile quanto basta. Sorprende nei consumi e spicca per la sua personalità: le concorrenti premium tedesche sono state avvisate!