Una Chevrolet Spark elettrica per gli indiani

Esempio di contenimento dei costi, prende forma dalla piattaforma Matiz 2005. Il motore offre due modalità di funzionamento

Una Chevrolet Spark elettrica per gli indiani

di Redazione

09 gennaio 2010

Esempio di contenimento dei costi, prende forma dalla piattaforma Matiz 2005. Il motore offre due modalità di funzionamento

La city-car Chevolet Spark verrà prodotta anche in una versione elettrica destinata esclusivamente al mercato indiano. Il costruttore americano ha scelto la rassegna New Delhi Auto Expo per mostrare in anteprima mondiale la vettura, solo lontana parente del progetto Beat/Spark destinato per i mercati di Europa, Stati Uniti, Medio Oriente e Asia orientale.

Si tratta di un veicolo estremamente semplificato, costruito sulla piattaforma della Matiz presentata nel 2005. Le forme non tradiscono la somiglianza, mentre il profilo dei proiettori anteriori, i paraurti bombati, il portellone e i cerchi in lega bruniti forniscono un tocco di modernità.

A catalizzare i maggiori interessi provvede tuttavia il propulsore. Sotto il cofano batte un’unità elettrica realizzata da General Motors in collaborazione con Reva Electric Car Company, azienda conosciuta in Gran Bretagna con il nome G-Wiz.[!BANNER]

Tutto a bordo della Spark è all’insegna del risparmio. Per l’alimentazione si può scegliere tra un pacchetto di batterie agli ioni di litio e il più convenzionale e conveniente sistema “lead acid”. Attraverso un pulsante sul cruscotto si possono poi selezionare due modalità di funzionamento, Regular o Boost. Nel secondo caso il motore eroga una quantità superiore di coppia motrice, per scatti più brillanti nelle manovre cittadine.

Il prezzo di lancio si propone molto interessante. Forse per la scena automobilistica del sub-continente è giunto il momento di una svolta epocale.

Fotografie indianautosblog.com