Si al metano. Ma deve esserci la rete

L'Italia vive una situazione paradossale: si incentiva l'acquisto di auto a metano ma poi occorrono 3 anni per aprire un nuovo impianto

Aumentano i consumi di Gpl e di metano, ma gli impianti di distribuzione sono sempre quelli. Ecco uno dei paradossi di quello che una volta era il Bel Paese e che ha giustamente incentivato l'acquisto di auto a metano ma non ha incentivato la costruzione di punti di rifornimento, con la conseguenza che oggi fare il pieno in certe zone d'Italia è davvero difficile.

I dati parlano chiaro: a novembre è stata distribuita il 3,6% in meno della benzina rispetto allo stesso mese del 2008, l'1,8% di gasolio in più e il 19,5% di Gpl in più per autotrazione. Dati importanti, sicuramente. Nel bene e nel male. Ma il problema è che non crescono in maniera parallela gli impianti di distribuzione.

Basti pensare che in Lombardia, la regione italiana con più automezzi, nelle ultime settimane sono stati aperti appena 2 nuovi distributori di metano entrambi nell'area di Milano ed entrambi inaugurati tra squilli di trombe e rulli di tamburi grazie anche agli incentivi della regione. Il totale italiano sale così a 712 (la fonte è Metanoauto), cifra ancora troppo bassa rispetto alle auto circolanti, che continuano ad aumentare a ritmi vertiginosi.

La domanda, sorge spontanea: come mai lo Stato dà incentivi per l'acquisto di auto a metano ma non favorisce l'apertura di pompe per rifornirsi? La risposta, ahime, è molto triste: a causa della burocrazia. Il gestore di uno dei due impianti inaugurati vicino a Milano ha detto che per ottenere nulla osta, visti, permessi e autorizzazioni sono passati ben 3 anni. Una follia, nonostante le promesse che in giro per l'Italia si sentono fare dagli amministratori locali.

Se vuoi aggiornamenti su SI AL METANO. MA DEVE ESSERCI LA RETE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 18 dicembre 2009

Vedi anche

Citroen E-Berlingo Multispace, tanto spazio a zero emissioni

Citroen E-Berlingo Multispace, tanto spazio a zero emissioni

La famiglia dei veicolo elettrici della Casa francese si arricchisce con il debutto del versatile Citroen E-Berlingo Multispace.

Pininfarina H600: debutterà entro il 2020

Pininfarina H600

La collaborazione tra Pininfarina e il Gruppo asiatico prevede lo sviluppo in serie della "alto di gamma" H600 e di nuovi modelli, tutti elettrici.

Norvegia: il boom delle auto elettriche

Norvegia: il boom delle auto elettriche

Concreti incentivi e una favorevole distribuzione dei centri abitati: così la Norvegia è in testa in Europa per vendite di auto elettriche ed ibride.