Tata sta pensando a una Nano ibrida

In una intervista a un quotidiano coreano, Ratan Tata ha anticipato che è in fase di sviluppo una Nano ibrida. Tutte le ipotesi restano aperte

Se dovesse arrivare davvero, per la mobilità low cost sarebbe un bel colpo. Per il momento, le notizie si affidano a una dichiarazione rilasciata ieri da Ratan Tata, il presidente dell'omonima Casa indiana, al Maeil Business Newspaper, quotidiano economico coreano, nella quale è emerso che la Tata ha in cantiere la realizzazione di una versione ibrida della Nano.

Proprio lei, la supereconomica citycar attesa in Europa per il 2011 e regolarmente in vendita in India dallo scorso Giugno. L'anticipazione di Ratan Tata sullo sviluppo di una Nano "low cost and emissions" (la definizione è nostra), tuttavia, fa pensare che per motivi di costi sarà difficile che la Nano ibrida verrà equipaggiata con il sistema "motore a scoppio (o Diesel) - propulsore elettrico alimentato a batterie al litio".

Al momento si può considerare che la futura citycar indiana a basse emissioni si avvarrà di una tecnologia Start&Stop, oppure un sistema che genera energia elettrica accumulata durante le fasi di frenata.

Quanto alla meccanica, non è ancora stata avanzata alcuna ipotesi. Però è probabile che la Nano ibrida sarebbe equipaggiata con il 600 cc già montato per la low cost destinata al mercato interno.

Oppure (altra ipotesi) Ratan Tata potrebbe ispirarsi alla Tara, una fabbrica indiana che produce e vende per il mercato nazionale la Titu, una small car elettrica (venduta a un prezzo ancora inferiore alla Nano) equipaggiata da un piccolo motore da 3 kW in grado di garantire un'autonomia di 120 km e una velocità massima di 50 km/h.

Tutto resta aperto alle ipotesi, ma è chiaro che il Costruttore indiano si è sintonizzato sulla frequenza dei grandi marchi. Ed è intenzionato a sfidarli anche sul terreno dell'ecologia.

Se vuoi aggiornamenti su TATA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 01 dicembre 2009

Altro su TATA

Tata Zica: cambio di nome per colpa del virus Zika
Curiosità

Tata Zica: cambio di nome per colpa del virus Zika

Tata sembra intenzionata a cambiare nome alla Zica, vettura compatta pronta al lancio ma troppo assonante al virus Zika.

Tata Hexa Concept 2015: nuovo SUV spazioso e versatile
Concept

Tata Hexa Concept 2015: nuovo SUV spazioso e versatile

Il colosso asiatico anticipa il suo prossimo SUV con un interessante concept che si distingue per le forme muscolose e la grande abitabilità interna.

Le novità Tata al Salone di Ginevra 2014
Anteprime

Le novità Tata al Salone di Ginevra 2014

Il costruttore indiano presenterà in occasione della manifestazione svizzera tre nuovi modelli chiamati a rappresentare il nuovo corso del Gruppo.