Il 2012 sarà l’anno della Caterham ibrida

La tecnologia ibrida conquista anche la piccola Azienda del Kent. Vedremo una Lotus Seven “replica” a propulsore in parte elettrica?

Il 2012 sarà l'anno della Caterham ibrida

di Francesco Giorgi

26 ottobre 2009

La tecnologia ibrida conquista anche la piccola Azienda del Kent. Vedremo una Lotus Seven “replica” a propulsore in parte elettrica?

Caterham e la tecnologia ibrida: un matrimonio inedito ma che, nell’immediato futuro, potrebbe concretizzarsi.

Ansar Alì, Presidente della factory artigianale per eccellenza nel panorama automobilistico inglese (e famosa per le sue repliche della Lotus Seven) ha dichiarato, al vernissage del Salone di Tokyo (dove la piccola Azienda è presente assieme ad Alpina e Lotus come unici rappresentanti delle Case europee), che la Caterham presto sarà coinvolta in prima persona nello sviluppo di un modello equipaggiato con un motore termico e un propulsore elettrico.

Secondo il numero uno della factory, il programma è articolato, in una prima fase, nella promozione del progetto attraverso la modalità più congeniale all’azienda del Kent: le corse. Sarebbe infatti allo studio per il 2011 un Campionato monomarca (sulla falsariga di quelli che si tengono da molti anni dedicati alla spider che strizza l’occhio alla Lotus) per testare sul campo le soluzioni tecniche ibride, al fine di proporre la vettura sul mercato nel 2012.

Al momento non si sa ancora chi sarà il fornitore dell’unità elettrica, ma Alì indica che lo spazio nel lunghissimo vano motore è sufficiente per l’alloggiamento di un propulsore elettrico.