FCA, Iveco e Snam, siglato l'accordo per lo sviluppo del metano

Il memorandum d'intesa risulta finalizzato a favorire lo sviluppo del gas naturale per stimolare la mopbiltià ecosostenibile.

Fiat Panda restyling 2017, le foto ufficiali

Altre foto »

Lo sviluppo del gas naturale (conosciuto anche con il nome di metano) come carburante alternativo ed ecologico per i mezzi di trasporto. Per raggiungere  questo obiettivo, il Gruppo FCA, Iveco e Snam che, rappresentati rispettivamente da Alfredo Altavilla (Chief Operating Officer di FCA Region EMEA), Pierre Lahutte (Brand President IVECO) e Marco Alverà (Chief Executive Officer di Snam), hanno firmato un Memorandum di intesa davanti il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio.

Questo accordo si inserisce in uno scenario particolare che vede l'Italia come il primo mercato europeo per i consumi di metano per i veicoli, grazie ad un consumo registrato nel 2015 pari a 1 miliardo di metri cubi per circa 1 milione di veicoli attualmente in circolazione. Il nostro Paese è infatti leader mondiale del settore, per merito di una rete di metanodotti tra le più estese e accessibili d'Europa, lunga oltre 32 mila chilometri.

Secondo le basi dell'accordo, FCA, Iveco e Snam collaboreranno in modo attivo per accelerare l'ulteriore sviluppo del metano grazie a numerosi e mirati interventi: FCA e Iveco svilupperanno ulteriormente le loro gamme di veicoli a gas naturale, che risultano già tra le più complete nel settore automotive, incrementando le operazioni di marketing e la promozione dell'offerta.

Dal canto suo, Snam, colosso europeo della distribuzione del gas naturale, investirà circa 200 milioni di euro nei prossimi 5 anni che porteranno all'incremento delle attuali 1.100 stazioni di servizio a metano, oltre a un miglioramento della qualità del servizio offerto, garantendo in questo modo una diffusione più equilibrata e capillare di questo carburante nelle diverse regioni d'Italia.

Da un punto di vista dell'ambiente, l'alimentazione a metano per i mezzi di trasporto pubblici e privati potrebbe portare ad una riduzione delle emissioni inquinanti  stimata in un 40% di CO2 (anidride carbonica) e oltre il 90 % di NOx (ossidi di azoto) rispetto ai carburanti tradizionali. Da un punto di vista economico, invece, il settore del gas naturale per i veicoli vanta un fatturato di 1,7 miliardi di euro l'anno e circa 20 mila addetti che ovviamente dovrebbero aumentare sensibilmente dopo questo ambizioso progetto. Per i consumatori si attendono risparmi fino a 800 milioni di euro in 5 anni, che risultano calcolati sulla base dei prezzi del petrolio degli ultimi mesi, storicamente tra i più bassi.

Se vuoi aggiornamenti su FIAT inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 06 ottobre 2016

Altro su FIAT

Fiat Panda Natural Power, 80mila km percorsi con biogas fognario
Ecologiche

Fiat Panda Natural Power, 80mila km percorsi con biogas fognario

Una Fiat Panda Natural Power è pronta a effettuare un lungo test che prevede di coprire 80mila km alimentata con biometano prodotto da acque fognarie.

Fiat 500, la citycar celebra a Ginevra i suoi 60 anni
Ultimi arrivi

Fiat 500, la citycar celebra a Ginevra i suoi 60 anni

La Casa del Lingotto celebra i sessant’anni della fiat 500 con numerose iniziative e una serie speciale protagonista a Ginevra.

Marchionne: produzione Fiat Panda via da Pomigliano
Curiosità

Marchionne: produzione Fiat Panda via da Pomigliano

La Fiat Panda sarà assemblata in Polonia per destinare l’impianto di Pomigliano alla produzione di modelli più complessi.