Per Nissan il futuro sarà (molto) elettrico

Ghosn, Nissan-Renault: "L'elettrico è l’unica strada per tutelare l’ambiente e liberarsi dal petrolio, ma servono incentivi"

Entro il 2020 un'auto su dieci sarà alimentata a elettricità. Questa è la previsione fatta alla vigilia dell'apertura del Motor Show di Tokyo, da Carlos Ghosn, numero uno di Renault e Nissan.

Il manager franco-libanese alla guida dei due marchi delinea un nuovo scenario per il mondo dell'auto nei prossimi anni. La svolta verso l'alimentazione elettrica "sarà l'unica a garantire emissioni a impatto zero". Ragion per cui, ha sottolineato Ghosn, occorre spingere l'acceleratore su un piano di incentivi pubblici per sostenere la ricerca e far decollare il settore.

"Stiamo andando verso uno scenario a emissioni zero - ha osservato Ghosn - e l'alimentazione elettrica è l'unico modo per tutelare l'ambiente e sganciarsi dalla commodity dominante, il petrolio, sottoposta alle oscillazioni dei mercati. Il petrolio a prezzo basso non ci sarà più, come dimostrano le quotazioni di 78 dollari al barile di oggi».

In questo quadro Nissan potrà far leva sull'esperienza ventennale nel ramo delle tecnologie legate alle batterie per autoveicoli (la società si è assunta l'impegno di commercializzare su vasta scala i suoi veicoli elettrici).

Ultima tappa di questo percorso è l'annuncio di una joint venture siglata dalla Casa giapponese con Sumitomo Corporation, il cui inizio di attività è previsto per fine 2010 in Giappone e Stati Uniti, che punta a riutilizzare, rivendere, rifabbricare e riciclare le batterie agli ioni di litio delle auto elettriche.

L'accordo fra le due società si basa proprio sulla previsione di una crescente diffusione di auto elettriche a livello globale. Ad oggi infatti non esistono reti di fornitura di batterie ad alta capacità riutilizzabili, ma si prevede che la domanda di batterie riciclate, in Giappone, raggiungerà l'equivalente di almeno 50.000 auto all'anno entro il 2020.

"I consumatori stanno accogliendo con entusiasmo l'idea di guidare auto totalmente elettriche a emissioni zero - ha affermato Toshiyuki Shiga, Chief Operating Officer di Nissan -, ma vogliono anche garanzie sulla riutilizzabilità e riciclabilità delle batterie agli ioni di litio. Le nostre batterie non solo possono essere riutilizzate, ma fungono anche da soluzione per l'immagazzinamento di energia".

Secondo Nissan anche una volta raggiunta la fine del normale ciclo di vita del veicolo, le batterie agli ioni di litio ad alte prestazioni conservano il 70-80% di capacità residua e possono quindi essere riutilizzate e rivendute a svariati settori come soluzioni per l'immagazzinamento.

Se vuoi aggiornamenti su NISSAN inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Lorenzo Stracquadanio | 21 ottobre 2009

Altro su Nissan

Nissan e-NV200: ufficio mobile per la polizia locale
Aziendali

Nissan e-NV200: ufficio mobile per la polizia locale

Il comando di polizia municipale di Magliano Sabina (Rieti) si arricchisce di un esemplare del van elettrico Nissan attrezzato per compiti operativi.

Nuova Nissan Micra: due "porte aperte" per scoprirla
Anteprime

Nuova Nissan Micra: due "porte aperte" per scoprirla

La nuova generazione della Nissan Micra sarà protagonista di due Porte Aperte che riserveranno interessanti sorprese per la clientela.

Nissan, protagonista al CeBIT con le tecnologie per la guida autonoma
Tecnica

Nissan, protagonista al CeBIT con le tecnologie per la guida autonoma

La Casa giapponese si presenta alla più grande fiera digitale del Vecchio Continente con le ultime novità dedicate alla guida autonoma.