EcoPatente: formazione “verde” per i giovani

Promossa da Legambiente, Confedertaai, Fiat e Istituzioni, l’iniziativa istruirà i ragazzi sulle questioni ambientali. In palio anche una 500

EcoPatente: formazione "verde" per i giovani

di Lorenzo Stracquadanio

22 settembre 2009

Promossa da Legambiente, Confedertaai, Fiat e Istituzioni, l’iniziativa istruirà i ragazzi sulle questioni ambientali. In palio anche una 500

.

Creare consapevolezza sul tema del rispetto dell’ambiente; diffondere informazioni sull’utilizzo intelligente, corretto ed ecosostenibile dell’auto; promuovere prodotti e componenti “eco”. Sono questi gli obiettivi di EcoPatente (www.ecopatente.it), il progetto rivolto ai giovani automobilisti che stanno per prendere la patente B.

Realizzato grazie alla collaborazione di Legambiente e di Confedertaai (Confederazione Titolari Autoscuole e Agenzie d’Italia) e sponsorizzato da Fiat, l’iniziativa – che ha ottenuto il patrocinio del Ministero della Gioventù, del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – conta partners importanti quali Eni, Magneti Marelli e Bosch.

E’ rivolto ai patentandi (17/18 anni) che da Ottobre 2009 a Febbraio 2010 decideranno di iscriversi a un corso presso le autoscuole aderenti all’iniziativa (l’elenco completo è consultabile sul sito). Ogni struttura formerà i ragazzi sulle regole basilari di conduzione dei mezzi nel rispetto dell’ambiente e alla fine del corso basterà rispondere a un questionario per ottenere l’EcoPatente.

I migliori parteciperanno a un concorso ad estrazione che mette in palio una Fiat 500 Pur-02, versione omologata Euro 5 che vanta emissioni ridotte (113 g/km), il dispositivo “Start&Stop” che gestisce lo spegnimento temporaneo del motore in caso di sosta, e l'”eco:Drive”, un software che, attraverso la porta Usb, analizzare lo stile di guida dell’automobilista aiutandolo a ottimizzare il comportamento in termini di consumi ed emissioni.

No votes yet.
Please wait...