Torna la Trabant, ma a pannelli solari

La gloriosa Trabant si prepara al ritorno in versione moderna: sarà elettrica e avrà i pannelli solari sul tetto

La 63° edizione del Salone di Francoforte è alle porte e da parte di tutte le Case non si fa che parlare di elettrico... Si stanno impegnando gli americani, gli europei, e non sono da meno anche gli ex paesi dell'Est che nel loro piccolo hanno il coraggio di portare le loro novità.

E' il caso della Trabant, prodotta tra il '57 e il '91, che è stata la vettura che ha motorizzato l'Europa dell'est prima dell'abbattimento del muro di Berlino. Alla stessa stregua della Fiat 500, della Citroen 2 cavalli, della Renault 4 e del Maggiolone della Volkswagen. Una piccola auto con motore da 500cc a due tempi due cilindri e un design spartano, fu l'auto simbolo della Germania dell'Est.

Herpa Miniaturmodelle GmbH ha acquisito i diritti del marchio e dal 1990 produce modellini in scala 1/87. Ma la Trabant ora sta per tornare sul mercato questa volta in versione elettrica e farà il debutto al salone di Francoforte in diretta concorrenza con la smart ED, con la Renault Kangoo be bop Z.E. e la Nissan Leaf.

Herpa ha sviluppato assieme alla Indycar una nuova Trabant elettrica e sta cercando finanziatori per il progetto. La vettura è dotata di pannelli solari sul tetto e pesa meno di 1000 kg. L'obiettivo è avere un'autonomia di 250 km. Lo sviluppo del propulsore è stato delegato alla IAV Automotive Engineering di Berlino.

Bisogna aspettare ancora qualche giorno ma per il ventesimo anniversario della caduta del Muro si potrà ammirare la tanto vituperata Trabant, stavolta, in versione elettrica. Nota per essere un vero "polmone", la due tempi della VEB (Sachsenring Automobilwerke Zwickau) raggiungeva al massimo i 60 km/h, era molto spartana nella carrozzeria e nell'abitacolo e inquinava, tanto.

Per possederla i cittadini della Ddr erano costretti ad una lunga attesa, in media 12 anni. "E' stata l'auto simbolo del lato peggiore del comunismo", si diceva di lei. Ma, per il 9 Novembre 2009, la "Trabi" prepara un ritorno a sorpresa: sarà l'auto del futuro in Germania, verde ed elettrica.

"Sarà un'auto semplice, pratica, in linea con la tradizione. Ma dotata delle tecnologie più avanzate e completamente elettrica", assicura Jurgen Schnell (in tedesco significa 'svelto'), portavoce della Indycar. Attualmente nel registro automobilistico tedesco sono iscritti ancora 50mila esemplari che prendono parte annualmente al "Trabi Rally". A Berlino vengono offerte a noleggio ai turisti nostalgici: ne esiste anche un club che tutti gli anni viene in Italia e fa tappa sul circuito di Imola.

Se vuoi aggiornamenti su TORNA LA TRABANT, MA A PANNELLI SOLARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Leopoldo Canetoli | 03 settembre 2009

Vedi anche

Citroen E-Berlingo Multispace, tanto spazio a zero emissioni

Citroen E-Berlingo Multispace, tanto spazio a zero emissioni

La famiglia dei veicolo elettrici della Casa francese si arricchisce con il debutto del versatile Citroen E-Berlingo Multispace.

Pininfarina H600: debutterà entro il 2020

Pininfarina H600

La collaborazione tra Pininfarina e il Gruppo asiatico prevede lo sviluppo in serie della "alto di gamma" H600 e di nuovi modelli, tutti elettrici.

Norvegia: il boom delle auto elettriche

Norvegia: il boom delle auto elettriche

Concreti incentivi e una favorevole distribuzione dei centri abitati: così la Norvegia è in testa in Europa per vendite di auto elettriche ed ibride.