L’elettrico è alle porte, ma per il momento tutte “ibride”

In casa Fiat si lavora sulla tecnologia ibrida, inseguendo Giappone e Germania che sono già sul mercato

L'elettrico è alle porte, ma per il momento tutte "ibride"

di Leopoldo Canetoli

27 agosto 2009

In casa Fiat si lavora sulla tecnologia ibrida, inseguendo Giappone e Germania che sono già sul mercato

.

L’input del momento per i costruttori di auto è l’ecologia a tutti i costi. Pare sia solo questione di tempo, ma dopo la tecnologia ibrida, già allo stato avanzato, è pronta la trazione elettrica almeno per vetture che hanno un range di utilizzo a livello dei 100 chilometri.

Abbiamo avuto modo di provare, sia pure per poco, una splendida Fiat 500 assolutamente identica a quella a benzina (e diesel) prodotta dalla Fiat, ma con al posto del motore termico un motore elettrico. L’ha realizzata la Micro-Vett di Imola e il progettista parla di una autonomia di 130 km

La situazione di Fiat

Per il momento invece la Fiat sta pensando di lanciare un propulsore alquanto rivoluzionario con un progetto avviato nel corso del 2008. Questa famiglia di motori proporrà le migliori tecnologie disponibili, come il sistema di distribuzione Multiair già disponibile su Alfa Romeo MiTo che grazie alla miniaturizzazione permetterà potenza e coppia con emissioni ridotte da permettere già l’omologazione Euro 6 .

Il motore ibrido di Fiat sarebbe utilizzato per la nuova Fiat 500 e per la futura Fiat Topolino, ma col tempo potrebbe trovare collocazione anche su altri modelli della Casa torinese. Il nuovo ibrido di Fiat dovrebbe essere costituito da un motore bicilindrico da 900 cc di cilindrata che vedremo in uso il prossimo anno ed un nuovo cambio automatico.

Come sarà questa piccola Fiat “super ecologica”? Il segreto sta tutto nel cambio automatico a doppia frizione che ingloba al suo interno un piccolo motore elettrico, con batterie di nuova generazione agli ioni di litio e la possibilità di ricarica plug-in, ovvero da una presa di corrente. Ciò nasconde un enorme vantaggio: quello di poter inserire questo sistema ibrido su qualsiasi altro modello con grande facilità, sia in fase di progettazione che di montaggio.

Giappone e Germania per il momento primi

Anche in Giappone si sono dati da fare come succede con la terza generazione della Toyota Prius, che è davvero un’altra macchina rispetto a quella che abbiamo conosciuto: il design ora è più sportiveggiante, mentre la meccanica propone nuovi motori a benzina (un 1800 da 98 CV) ed elettrici per offrire una potenza complessiva di 134 CV.

Honda propone la Insight con un’unica carrozzeria a 5 porte e un’unica motorizzazione. Nella sostanza la novità è l’evoluzione del sistema ibrido Ima (Integrated Motor Assist) , assistenza motore integrata, sviluppato dalla Honda per dieci anni. Il sistema IMA prevede l’abbinamento di un motore elettrico che migliora le prestazioni del motore a benzina, posizionato tra quest’ultimo ed il cambio automatico Cvt (a variazione contuinua).

La combinazione dei due motori garantisce prestazioni brillanti, ideali per il traffico urbano con potenza totale di 98 CV a 5.800 giri con una coppia massima di 167 Nm a 1.000 giri. La Insight inoltre beneficia del vantaggio che hanno le ibride di ottenere consumi di carburante e emissioni allo scarico bassissimi.

E se il sistema ibrido è utilizzato in un’auto con una scocca aerodinamica appositamente costruita, i vantaggi risultano ancora più accentuati. La Insight è infatti omologata per consumi di addirittura 4,4 litri per 100 Km  con solo 101 g/Km di Co2. Un risultato di tutto rispetto per una berlina lunga 4,4 metri capace di ospitare 5 persone ed i relativi bagagli fino a 358 litri.

Ibrido anche per Mercedes che con la classe S400 Hybrid si presenta come la prima vettura di serie dotata di motore ibrido con batteria agli ioni di litio. Mercedes-Benz ha compiuto così un importante passo avanti verso l’elettrificazione dell’automobile. Grazie all’abbinamento del V6 benzina in versione perfezionata con il modulo ibrido compatto, la S400 Hybrid si presenta come la berlina più efficiente al mondo, anche se presto avrà la concorrenza della BMW Serie 7 ActiveHybrid.