Hyundai-Kia investe nel “verde”

Oltre due miliardi di euro investiti da Hyundai-Kia per le tecnologie “green”. Ibride anche diesel, idrogeno e plug-in entro il 2012

Hyundai-Kia investe nel "verde"

di Leopoldo Canetoli

29 luglio 2009

Oltre due miliardi di euro investiti da Hyundai-Kia per le tecnologie “green”. Ibride anche diesel, idrogeno e plug-in entro il 2012

.

Nell’annunciare un investimento di più di 2,25 miliardi di euro (4 trilioni di Won) destinato alla “crescita verde”, il Gruppo Hyundai-Kia ha confermato il suo obiettivo di diventare entro il 2012 uno dei primi quattro costruttori al mondo di veicoli a basse emissioni. Nello stesso anno saranno disponibili sul mercato coreano le prime vetture elettriche a fuel cell.

Kia sarà protagonista di questo processo con l’introduzione nei prossimi due anni di altri modelli ibridi a benzina e diesel, dopo il recentissimo e innovativo modello Forte LPI Hybrid; mentre già nel corso di quest’anno verrà avviata in Europa la commercializzazione della famiglia cee’d ISG che grazie al sistema Stop&Go intelligente riduce i consumi e le emissioni.

I tecnici Kia stanno anche sviluppando sistemi ibridi “plug-in” (con batterie ricaricabili dalla normale rete elettrica) mentre sono già in sperimentazione in tutto il mondo alcuni dei più avanzati prototipi con propulsione elettrica a fuel cell. Veicoli di questo genere saranno esportati nei principali mercati entro uno o due anni dalla loro disponibilità sul mercato interno coreano.

Sun Young Kim, Presidente di Kia Motors Europe, ha sottolineato che: “Il Gruppo Hyundai-Kia è determinato a sviluppare e proporre nuove tecnologie “verdi” ai consumatori europei e la imminente commercializzazione della cee’d ISG, assieme alle altre tecnologie amiche dell’ambiente (come l’alimentazione a GPL che ha un grande successo, particolarmente in Italia) sono la testimonianza del nostro impegno sulla strada della mobilità eco-compatibile“.

In California Kia sta sperimentando diversi prototipi fuel cell e gli ultimi collaudi hanno accertato la possibilità di raggiungere un’autonomia di quasi 600 chilometri con un singolo rifornimento di idrogeno e di assicurare il regolare funzionamento delle celle e di tutti i sistemi anche a temperature di 25 gradi sotto zero, requisiti essenziali per rendere il sistema competitivo e praticamente utilizzabile in qualsiasi circostanza in tutto il mondo.

Kia e Hyundai sono congiuntamente impegnate in numerosi test in condizioni reali in collaborazione con diversi enti governativi anche in Corea, con l’obiettivo di sviluppare veicoli a fuel cell che possano essere prodotti in serie a partire dal 2015.