Mercato Auto Ibride In Italia

Articolo sponsorizzato

La gamma ibrida Toyota

Altre foto »

Complice la difficile situazione economica, il mercato auto in Italia è in costante perdita da diversi anni. I dati complessivi evidenziano un calo delle immatricolazioni anno su anno che ha ridotto di molto le dimensioni del mercato in generale, che oggi è ben lontano dalle performance degli anni migliori.

In un contesto così inesorabilmente negativo, il mercato delle auto ibride risulta in netta controtendenza con numeri costantemente in crescita. Le auto ibride immatricolate in Italia nel 2011 erano 5.206, che sono diventate 7.276 nel 2012. Sebbene i volumi siano ancora ridotti, le performance di crescita sono davvero interessanti. Questo trend si conferma anche nel 2013, dal momento che nei primi 8 mesi dell'anno sono stati immatricolati 8.946 veicoli ibridi con un incremento del 72% rispetto al 2011.

I dati complessivi dimostrano che le ibride rappresentano una tipologia di auto sempre più apprezzata dagli automobilisti italiani. E' lecito pertanto aspettarsi numeri in crescita anche per i prossimi anni, anni nei quali questa nicchia conquisterà quote sempre maggiori di mercato.

Fonte: elaborazione dati UNRAE

Se vuoi aggiornamenti su TOYOTA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Tomelleri | 11 ottobre 2013

Altro su Toyota

Toyota Camry: un teaser anticipa la prossima generazione
Anteprime

Toyota Camry: un teaser anticipa la prossima generazione

La nuova generazione della world car Toyota Camry abbraccerà uno stile più dinamico e sportivo.

Toyota C-HR, elogio della personalità
Ultimi arrivi

Toyota C-HR, elogio della personalità

Estetica "da prototipo", doppia motorizzazione che strizza l’occhio all’ibrido e trazione integrale. La crossover-coupé giapponese sguinzaglia le proprie armi con doti dinamiche sorprendenti.

Toyota: nel 2020 una nuova gamma elettrica extended range?
Ecologiche

Toyota: nel 2020 una nuova gamma elettrica extended range?

Rumors dal Web indicano che il colosso giapponese svilupperà, in tempo per le Olimpiadi di Tokyo, una gamma zero emissioni ad autonomia elevata.