Mahindra E2O vince il Premio Innovazione Focus

Va all’elettrica Mahindra E2O il Premio Innovazione Focus 2013 realizzato con il patrocinio del Politecnico di Milano.

Mahindra E2O vince il Premio Innovazione Focus

di Giuseppe Cutrone

19 marzo 2013

Va all’elettrica Mahindra E2O il Premio Innovazione Focus 2013 realizzato con il patrocinio del Politecnico di Milano.

La nuova Mahindra E2O non è ancora arrivata sul mercato ma sta già facendo parlare di sé. La novità elettrica del costruttore indiano ha infatti ricevuto il Premio Innovazione Focus 2013 che premia i prodotti o i servizi in grado di cambiare la vita quotidiana degli utenti.

Realizzata grazie al patrocinio del Politecnico di Milano, l’iniziativa ha raccolto in due mesi i voti di oltre 25.000 lettori della rivista Focus e ha visto uscire vincente la novità proposta da Mahindra.

Il modello è ormai prossimo ad entrare nella gamma del costruttore indiano e si propone come un veicolo attento all’ambiente già a partire dal nome, quella sigla E2O che, secondo quanto spiegato dalla stessa Mahindra, sta per: “E come energia solare, 2 rappresenta la connettività e O come ossigeno”.

La Mahindra E2O è una vettura 100% elettrica dotata di batterie agli ioni di litio che assicurano un’autonomia di 100 chilometri e possono essere ricaricate tramite una comune presa domestica a 15 Ampere.

>> Guarda le immagini della Mahindra E2O

Tra la dotazione è presente il sistema anti-panico Revive che permette al conducente di contattare via SMS una centrale operativa nel caso in cui la batteria si esaurisca durante il viaggio. I tecnici possono così provvedere da remoto ad attivare una riserva energetica nascosta presente sulla E2O, consentendo in tal modo il proseguimento del viaggio fino al centro abitato più vicino.

La Mahindra E2O si dimostra particolarmente attenta all’ambiente, come confermato dall’attenzione al contenimento delle emissioni profuso per la stessa fabbrica di Bengaluru dove viene prodotta.

Lo stabilimento impiega infatti energia solare per ricavare l’elettricità necessaria al funzionamento dei macchinari e si distingue inoltre per il riciclo di acqua piovana e per l’uso di sistemi di aerazione naturali, oltre a puntare su LED a basso consumo per l’illuminazione.