Fiat a H2Roma con la Panda TwinAir Turbo Natural Power

La Casa torinese in prima linea per una mobilità ecosostenibile con la Panda TwinAir Turbo Natural Power.

Fiat a H2Roma con la Panda TwinAir Turbo Natural Power

Tutto su: FIAT Panda

di Valerio Verdone

08 novembre 2012

La Casa torinese in prima linea per una mobilità ecosostenibile con la Panda TwinAir Turbo Natural Power.

Nella manifestazione dedicata all’ecologia su 4 ruote, H2 Roma, giunta all’undicesima edizione, non poteva mancare il Gruppo Fiat, da sempre impegnato nel divulgare la sua scelta di mobilità ecosostenibile che da oltre 15 anni riguarda le vetture a doppia alimentazione benzina-metano.

Ricordiamo infatti, che oggi Fiat è l’unico Costruttore ad offrire una gamma di veicoli a metano che spazia dalla citycar fino ai veicoli adibiti al trasporto merci e che è leader europeo nel campo delle vetture di primo impianto a metano con ben 500.000 unità vendute dal 1997.

Questi risultati sono destinati a migliorare con l’arrivo della Panda TwinAir Tuebo Natural Power che potrà essere vista da vicino e provata nel corso della manifestazione romana. Prima vettura al mondo ad essere equipaggiata con un piccolo motore bicilindrico turbocompresso da 80 CV alimentato a metano/benzina, caratterizzato da notevoli valori di coppia e potenza specifica, la nuova Panda TwinAir Turbo Natural Power assicura, grazie all’alimentazione a metano, ridotte emissioni di CO2 (86 g/km) e consumi contenuti (3,1 kg/100 km sul ciclo combinato di omologazione).

Con Panda, Fiat evidenzia ulteriormente la sua filosofia che punta molto sull’alimentazione a metano capace di ridurre al minimo le emissioni degli idrocarburi più nocivi e degli ossidi di azoto, e di emettere un quantitativo nullo di particolato. Altro punto di forza del metano, rispetto ai motori a benzina, è l’evidente riduzione di CO2 che arriva a valori intorno al 23%. Per queste ragioni, secondo Fiat, il metano è il carburante più “pulito” oggi disponibile ed è di gran lunga anche il più economico come dimostra un’economia di esercizio rispetto alla benzina (in termini di costo del carburante al km) di oltre il 50%.