Incentivi auto: nel 2013 fino a 5000 euro

Nel triennio 2013-2015 il governo stanzierà 140 mln di euro per l’acquisto di auto nuove capaci di emettere fino a 120 g/km di CO2.

Tesla Roadster 2011

Altre foto »

E' diventata legge il Decreto Sviluppo dedicato allo mobilità sostenibile che darà vita nel 2013 ad una serie di incentivi auto dedicati all'acquisto di auto a basso impatto ambientale. Le vetture che dovrebbero rientrare nel piano dei contributo dovrebbero essere tante, infatti i criteri sono piuttosto larghi: basta che l'auto emetta un livello di CO2 inferiore ai 120 g/km. Tra le varie tipologie di vetture dovrebbero rientrare le auto elettriche, quelle alimentate con biocombustibili, quelle alimentate con il gas GPL e quelle a metano.

Incentivi auto: stanziati 140 milioni in 3 anni

Gli incentivi auto saranno erogati nel triennio 2013-2015 e in questo lasso di tempo verranno stanziati ben 140 milioni di euro, suddivisi in 50 milioni di euro per l'anno 2013, 45 milioni per il 2014 e altri 45 per il 2015. I contributi statali andranno per il 70% alle imprese e alle pubbliche amministrazioni che vorranno investire su automezzi nuovi a basso impatto ambientale, acquistati esclusivamente in Italia, anche  in leasing. Per l'acquisto sarà necessario rottamare un mezzo di cui si è proprietari o utilizzatori da almeno 12 mesi (nel caso del leasing).

Nel 2013 incentivi fino a 5000 euro

Nei primi due anni (2013-2014) si potrà usufruire di un incentivo pari al 20% del valore dell'auto fino ad un massimo di 5000 euro, se la vettura in questione produce un massimo di 50 grammi al chilometro di CO2,  mentre se la vettura emette un massimo di 95 g/km di CO2 il tetto scende a 4000 euro. Nell'ultimo anno di incentivi (2015) il tetto massimo erogato scenderà a 3500 euro per le vetture capaci di sprigionare 50g/km di CO2 e di 2000 euro per quelle da 95g/km di CO2.  Per quanto riguarda le automobili che raggiungono emissioni di CO2 inferiori ai 120 g/km, del biennio 2013-2014 l'incentivo massimo sarà di 2000 euro, mentre nel 2015 scenderà a quota 1800 euro.

Pronto anche un piano per le infrastrutture

Anche se è considerato un passo fondamentale, la sola erogazione degli incentivi statali non basterà a dare la necessaria spinta per una rapida diffusione di alcune vetture a basso impatto ambientale - come ad esempio quelle elettriche - se non verranno sviluppati sul l'intero territorio nazionale le necessarie infrastrutture. Per sopperire a questo problema, il Governo ha previsto un Piano nazionale infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica. Lo scopo del piano è quello di "favorire lo sviluppo  unitario tenendo conto dell'effettivo fabbisogno infrastrutturale sulla base del tasso di congestione da traffico veicolare, la criticità dell'inquinamento atmosferico e lo sviluppo della rete stradale". Il piano stabilirà inoltre la regolamentazione dei tempi e dei modi di ricarica, nonché le tariffe. Infine verranno stipulati appositi accordi con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti  che promuoverà e valorizzerà la partecipazione congiunta di soggetti pubblici e privati.

Se vuoi aggiornamenti su INCENTIVI AUTO: NEL 2013 FINO A 5000 EURO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 11 settembre 2012

Vedi anche

Smart Forfour nella flotta di Car2go: in anteprima a Milano

Smart Forfour nella flotta di Car2go: in anteprima a Milano

A settembre la flotta di Car2go a Milano sarà integrata con 50 Smart Forfour, dando il via a un test mirato a capire il gradimento del pubblico.

Tesla, in futuro anche un pick-up elettrico

Tesla, in futuro anche un pick-up elettrico

Nel futuro piano industriale di Tesla ci sarà anche un pick-up elettrico capace di vantare 350 km di autonomia.

Mercedes C 350 e, la berlina premium diventa ibrida

Mercedes C 350 e, la berlina premium diventa ibrida

La gamma della berlina tedesca si allarga con il debutto della Mercedes C 350 e, versione ibrida con prestazioni da sportiva.