Incentivi auto: elettriche e non solo, i dettagli

Con l'approvazione dei giorni scorsi a Senato gli incentivi auto 2013 sono realtà, ma alcuni punti e diversi vincoli fanno discutere.

Gli incentivi per l'acquisto di auto a basse emissioni sono ufficiali: con l'approvazione del Senato, che ha convertito in legge il Decreto sviluppo numero 83, si conclude l'iter parlamentare che sblocca l'erogazione dei fondi da elargire ad aziende e privati con l'obiettivo di ammodernare il parco veicoli circolanti, rendendolo più efficiente e pulito, oltre che stimolando il mercato automobilistico ormai in rosso da mesi.

Sebbene non siano mancate le polemiche fin dalle prime ore dall'approvazione della legge, con Federauto e altri addetti ai lavori che hanno giudicato insufficienti e perfino controproducenti gli incentivi auto, per non dire di chi ha accusato il Governo di aver favorito le vetture aziendali e di aver riservato una parte minoritaria ai privati, i bonus stanno riscuotendo già molto interesse e può essere perciò utile fare chiarezza.

Innanzitutto va precisato che quelli che molti organi di stampa chiamano "incentivi per auto elettrica" in realtà sono fondi messi a disposizione per tutti i modelli di auto a prescindere dal tipo di alimentazione e sono quindi destinati anche alle auto ibride, a GPL e metano, ovviamente a patto che il livello di emissioni registrato in fase di omologazione rientri nella soglia stabilita dalla legge.

Gli incentivi auto 2013 saranno validi dal prossimo anno fino al 2015, quindi per un triennio in tutto e consisteranno nello stanziamento di una somma pari a 140 milioni di euro. I fondi saranno erogati in tre step annuali, arrivando a 50 milioni nel 2013, per scendere a 45 milioni nel 2014 e altrettanti nel 2015. Si tratta di una quantità di denaro inferiore ai precedenti incentivi di tre anni fa, ma va detto che anche la situazione economica dello Stato è assai ben diversa da quella di allora, ragion per cui la minore "generosità" del Governo appare in questo caso giustificata, almeno in parte.

All'interno dei tre step gli incentivi saranno comunque soggetti ad ulteriori clausole, come quella che per i 50 milioni di euro del 2013 riserva alle auto elettriche e ai modelli che emettono da 0 a 95 g/km di CO2 solo 15 milioni, di cui, ben il 70%, sarà destinato alle aziende, finanziando l'acquisto di taxi, auto da noleggio e veicoli commerciali in genere. E sempre ai professionisti saranno messi a disposizione i 35 milioni restanti, che potranno essere usati per l'acquisto di vetture con emissioni di CO2 fino a 120 g/km.

Entrando nel dettaglio, la legge prevede 5.000 euro di bonus per l'acquisto, nel 2013 e nel 2014, di un'auto con emissioni fino a 50 g/km di CO2, mentre saranno 4.000 gli euro per i modelli con emissioni comprese tra 51 e 95 g/km di CO2 e 2.000 per quelli che emettono da 96 a 120 g/km di anidride carbonica. Nel 2015, ultimo anno del triennio di incentivi, le cifre riportate poco sopra scenderanno rispettivamente a 3.500, 2.000 e 1.800 euro.

Infine è necessario dare un breve sguardo a come accedere agli incentivi. In questo caso è bene ricordare che i professionisti potranno avere i bonus previsti dal Governo solamente in caso di rottamazione di un veicolo di almeno 10 anni di età, un vincolo che invece non è previsto per i privati cittadini.

Se vuoi aggiornamenti su INCENTIVI AUTO: ELETTRICHE E NON SOLO, I DETTAGLI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 10 agosto 2012

Vedi anche

Green Car of the Year 2015: i cinque finalisti

Green Car of the Year 2015: i cinque finalisti

Sono stati pubblicati i nomi dei cinque modelli che si contenderanno il premio di Green Car of the Year 2015.

Toyota presenta a Torino l

Toyota presenta a Torino l'Hybrid Metro Mobility

L’iniziativa promossa da Toyota premierà il miglior progetto ecosostenibile presentato dalle amministrazioni localicon una Yaris Hybrid.

Tecnicar Lavinia S.E. Concept: la supercar elettrica da 300 km/h

Tecnicar Lavinia S.E.

Tecnicar, piccola factory di Siracusa che produce veicoli elettrici, ha in fase di sviluppo Lavinia S.E. Concept: una supercar elettrica da 300 km/h.