Prossimamente una Lamborghini "verde"?

Fotovoltaico e soluzioni di risparmio energetico per lo stabilimento di Sant'Agata. Ibrido, biofuel e start/stop nelle Lamborghini del futuro

La Casa di Sant'Agata bolognese dà il via a un programma di sostenibilità ambientale e presenta i nuovi piani che le consentiranno di abbattere le emissioni di CO2 prodotte attraverso lo stabilimento del 30% entro il 2010 e di ridurre quelle delle sue vetture del 35% entro il 2015.

I piani di riduzione si svilupperanno su due fronti: da un lato, interventi sullo stabilimento di Sant'Agata Bolognese e, dall'altro, interventi legati alla progettazione del veicolo. Sul versante della ridefinizione dei suoi processi industriali, e in ottica di sostenibilità ambientale, Lamborghini ha appena infatti inaugurato un progetto che vedrà la realizzazione di un grande impianto fotovoltaico entro la fine del 2009.

L'impianto consentirà di produrre energia verde per 1582 Megawattore (MWh) per anno, che equivale a una riduzione del 20% delle emissioni di CO2 (1.067.820 Kg/anno) entro il 2010. Gli impianti fotovoltaici avranno una potenza complessiva installata di 1,4 Megawatt e si estenderanno per 17.000 mq su tutta l'area industriale (la realizzazione sarà a cura di Sinergia Sistemi S.p.A). 

Congiuntamente verrà realizzato un altrettanto importante progetto di risparmio energetico che vedrà l'isolamento termico dell'intera copertura dello stabilimento produttivo, la domotica per impianti di illuminazione e riscaldamento, e per finire l'utilizzo di destratificatori per aria calda e porterà a un risparmio energetico del 10% entro il 2010.

Questi interventi rappresentano un nuovo tassello di un programma che ha avuto avvio lo scorso anno con l'inaugurazione del nuovo Centro Logistico Lamborghini. Il nuovo centro ha infatti contribuito a diminuire l'impatto del traffico dei mezzi pesanti sulle strade tra Anzola e Sant'Agata Bolognese. L'intervento ha infatti consentito di ridurre di oltre 75 kg l'anno le emissioni di polveri fini e di 750 kg quelle di Ossido di Azoto.

Ad Aprile del 2009 Lamborghini ha inoltre ottenuto la certificazione UNI EN ISO 14001, soddisfacendo quindi gli standard internazionali in relazione alla gestione ambientale, ed è prima azienda nel settore automotive in Italia ad essere in attesa della registrazione della certificazione ambientale EMAS, di cui ha positivamente concluso l'iter (il regolamento EMAS è uno strumento ideato dall'Unione Europea per supportare le organizzazioni nel valutare e migliorare la propria efficienza ambientale).

Altro su Lamborghini

Lamborghini Huracan RWD Spyder: una "scoperta" tutta dietro
Anteprime

Lamborghini Huracan RWD Spyder: una "scoperta" tutta dietro

Sotto i riflettori del Salone di Los Angeles, Lamborghini svela la versione a trazione posteriore della Huracan Spyder.

Lamborghini Huracan: tuning by DMC
Tuning

Lamborghini Huracan: tuning by DMC

Body Kit in carbonio e 20 CV in più nel motore

Lamborghini Huracan Performante: il debutto a Los Angeles?
Anteprime

Lamborghini Huracan Performante: il debutto a Los Angeles?

La Casa di Sant’Agata bolognese potrebbe svelare al Salone americano una variante ancora più estrema della Huracan.