Nissan presenta il Green Program 2016

Il Gruppo franco-giapponese ha presentato un ambizioso programma ambientale che lo porterà alla leadership mondiale delle auto ecosostenibili.

Nissan presenta il Green Program 2016

di Francesco Donnici

24 ottobre 2011

Il Gruppo franco-giapponese ha presentato un ambizioso programma ambientale che lo porterà alla leadership mondiale delle auto ecosostenibili.

E’ stato presentato dall’amministratore delegato Carlos Ghosn il Nissan Green Program 2016 (NGP 2016), ambizioso programma che guiderà le future politiche ambientali del Costruttore giapponese. Il piano – della duranta di sei anni – ha come obiettivo fondamentale quello di conquistare la leadership mondiale del mercato dell’auto ecosostenibile entro il 31 marzo del 2017. Per raggiungere questo target, il progetto punterà su tre diverse aree: abbattimento delle emissioni di Co2, utilizzo delle energie rinnovabili e aumento della varietà di risorse utilizzate dal Gruppo. L’obiettivo sarà centrato se la politica del Gruppo franco-nipponico riuscirà a vendere 1,5 milioni di veicoli ecosostenibili, appartenenti sia alla Nissan che all’alleata Renault.

In futuro elettriche, ibride ed Fuel Cell

Un contribuito significativo arriverà dalle vendite della recente vettura eletttrica Nissan Leaf e dal programma Renault Z.E.. Quest’ultimo prevede la commercializzazione di un’intera famiglia di vetture elettriche tra cui la berlina Fluence Z.E. e il veicolo commerciale Kangoo Express Z.E., entrambi attualmente in vendita, mentre in futuro debutteranno la Twizy Z.E. Concept e la Zoe Z.E. Concept. Il programma “verde” comprenderà anche l’introduzione di inediti modelli ibridi plug-in, realizzati grazie all’utilizzo di un’unica piattaforma modulare, mentre con la recente partnership siglata con il Gruppo Daimler verrà sviluppato un inedito veicolo ibrido a celle combustibile F-Cell, senza dimenticare l’arrivo di una nuova generazione di cambi a variazione continua CVT.

Parole d’ordine: riciclare e non inquinare

Le strategie per la conquista del primato prevederanno anche la diminuizione dei consumi di carburante di ben il 35% rispetto ai valori registrati nel 2005 dalle vetture vendute in Europa, America, Cina e Giappone. Ma la rinconversione in chiave “verde” dell’Alleanza, passerà in particolar modo dall’ottimizzazione delle risorse aziendali, come l’aumento del 25% dell’utilizzo dei materiali riciclati e la diminuzione del 20% delle emissioni di CO2, per ogni veicolo prodotto.

Il Nissan Green Program 2016 comporterà un investimento di ben 300 miliardi di yen ( circa 2,9 miliardi di euro al cambio attuale) suddivisi nei prossimi sei anni, di cui circa il 70% utilizzato per la sola realizzazione di veicoli a basso impatto ambiantale.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...