MotoGP Assen 2018, Rossi-Dovizioso: polemica tra i due

Dopo la sfida della MotoGP ad Assenn tra Valentino Rossi e Andrea Dovizioso scoppia una polemica. Il primo accusa il pilota della Ducati di aver rovinato la gara di entrambi.

MotoGP Assen 2018, Rossi-Dovizioso: polemica tra i due

di Tommaso Giacomelli

03 luglio 2018

Sono stati grandi protagonisti di una delle gare più belle della MotoGP degli ultimi anni, Andrea Dovizioso e Valentino Rossi. I due piloti italiani di Ducati e Yamaha hanno combattuto aspramente per aggiudicarsi la vittoria sul circuito olandese, ma si sono dovuti accontentare rispettivamente del quarto e del quinto posto. La lotta tra i due si è infiammata specialmente al penultimo giro, quando Andrea Dovizioso ha tentato una staccata fortissima in fondo al rettilineo del traguardo per buttare la sua Ducati in curva 1 e sopravanzare la Yamaha di Rossi. Questa manovra un po’ spregiudicata ha portato entrambi i piloti ad andare fuori traiettoria, cosa che ha compromesso le loro posizioni in quel momento (secondo e terzo posto). Dopo questo tentativo di sorpasso andato male, i due italiani sono stati passati da Rins e Vinales che hanno terminato la loro corsa sul podio, lasciando un po’ di amarezza sul volto dei due italiani, ma specialmente su quello di Valentino Rossi che non ha risparmiato una vera e propria freccia avvelenata nei confronti del collega della Ducati, reo di aver compromesso il podio per entrambi.

Il Dottore è intervenuto così ai microfoni di Sky Sport, accendendo la polemica: “Eravamo in una posizione bellissima. Ha provato a passarmi ma io ero a posto e staccavo bene. Mi ha portato fuori. Alla fine è stato un sorpasso aggressivo, ce ne saranno stati almeno 30 oggi in gara, quindi da questo punto di vista ci stava. Strategicamente però magari no, perché eravamo 2° e 3° e siamo finiti 4° e 5°”. La risposta del ducatista non si fa attendere, infatti Dovizioso non la pensa esattamente come il pilota di Tavullia: “Non condivido la sua interpretazione. Io devo correre per me, non ne avevo più, farlo passare equivaleva ad arrivargli dietro. Ha lasciato i freni 2 volte come ho fatto io, era già successo e l’altra volta è andata bene a lui. Io stacco forte, normalmente chi è all’interno gestisce la frenata e io sono rimasto dentro la pista. Secondo me la valutazione sbagliata l’ha fatta lui. Io ho la mia gara e lui la sua, è una cosa molto semplice e senza polemiche. Lottare con tutte le moto è stato molto complicato, ognuno ha i suoi punti di forza e le sue linee e dovevi sempre capire chi avevi intorno”.