Kawasaki protagonista alla Design Week di Milano

Kawasaki sarà presente alla Design Week di Milano dal 17 al 22 aprile. Al temporary studio situato in zona Navigli sarà possibile vedere anche le nuove Z900RS.

Kawasaki protagonista alla Design Week di Milano

Tutto su: Kawasaki

di Tommaso Giacomelli

13 aprile 2018

Dal 17 al 22 Aprile a Milano ci sarà la Design Week, un’edizione attesa e ricca di protagonisti. Tra Salone e Fuorisalone, gli eventi e le presentazioni in programma, ci sarà moltissimo spazio per le moto, fra le quali non mancheranno le Kawasaki. Il costruttore nipponico avrà un suo spazio, un temporary studio, in cui saranno presenti i due nuovi modelli ispirati al passato, la Z900RS e Z900RS Cafè. Questi due modelli richiamano facilmente alla memoria la Z1 900 Super Four del 1972, un modello totalmente anticipatore dei tempi alla sua epoca e che ha fatto scuola.

Questo aspetto di aver innovato le moto di grossa cilindrata nel corso degli anni ’70 del secolo scorso ed essere ancora oggi motivo di ispirazione per le nuove creazioni, verrà approfondito durante la kermesse milanese all’interno del neonato Kawasaki True Spirit Studio, dove sarà possibile seguire il sentiero creativo del gruppo, ma anche comprendere le basi dello stile del post-heritage, che riprende elementi stilistici e funzionali del passato per realizzare qualcosa di assolutamente unico e contemporaneo.

Alla Design Week di Milano ci sarà modo non solo di conoscere la genesi e la storia che hanno portato alla creazione delle nuove Z900RS, ma sarà possibile saggiare anche le loro qualità stradali, perché il piacere di guida è uno dei cardini della filosofia Kawasaki. Perciò le due nuove moto sono guidabili presso il True Spirit Studio, aperto tutti i giorni fino al 22 aprile, in cui sarà possibile prenotare un demo ride gratuito per saggiarne le loro doti su strada.

Il temporary studio sarà ospitato nel nuovissimo Tenoha Milano, in via Vigevano 18, nella zona dei Navigli. Si tratta di un’area e di uno spazio multifunzionale situato all’interno di un ex edificio industriale degli anni ’30 che si articola su una superficie di 2.500 mq, nel quale trovano spazio uno store, un ristorante, spazi per il co-working e l’area eventi.