Kawasaki ZX-10RR: ecco la moto che correrà in SBK

A Barcellona è stato svelato il team Kawasaki che correrà in Superbike con la ZX-10RR. L’obiettivo resta la vittoria, con Rea alla caccia del suo quarto titolo consecutivo.

Kawasaki ZX-10RR: ecco la moto che correrà in SBK

Tutto su: Kawasaki Ninja 1000 ZX-10RR

di Tommaso Giacomelli

09 febbraio 2018

Il 23-25 febbraio ripartirà la stagione della Superbike dalla suggestiva pista di Phillip Island, in Australia. Per questo motivo negli ultimi giorni molti team del campionato delle derivate di serie sono stati presentati. E’ toccato anche alla Kawasaki, dominatrice incontrastata delle ultime edizioni e detentrice del titolo con Jonathan Rea. Il pilota Nord Irlandese si presenta ai nastri di partenza per difendere l’iride e per andare a caccia del suo quarto titolo piloti consecutivo, un record assoluto. Per riuscire nell’impresa avrà a disposizione la Kawasaki ZX-10RR, una moto che è sembrata in questi anni perfetta ed equilibrata, ma il nuovo regolamento della Superbike potrebbe averla penalizzata.

Nella sede di Barcellona la verde nipponica è stata svelata con la sua tradizionale carena e con un grande entusiasmo, anche se la crescita degli altri team potrebbe rappresentare un motivo di incertezza in più. Ma Jonathan Rea non si spaventa e non vede l’ora di abbassare la visiera e correre in pista per fare quello che gli riesce meglio: “Non vedo l’ora che inizi il Mondiale ci aspetta un 2018 impegnativo, dato che nei test molte squadre hanno dimostrato di essere competitive, inoltre dobbiamo confrontarci con le novità regolamentari”. Queste non sembrano preoccuparlo però più di tanto: “Come ben sapete la nostra moto ha dovuto fare i conti con la riduzione di giri rimango comunque fiducioso, perché la Kawasaki ha dimostrato una crescita costante, che ci ha permesso di essere veloci in ogni situazione”.

L’altra faccia delle medaglia del team Kawasaki è Tom Sykes, che ha vissuto le ultime stagioni all’ombra di Rea e terminato il 2017 con il terzo posto in classifica piloti, alle spalle anche di Chaz Davies su Ducati. Il pilota inglese, già campione del mondo nel 2013, sembra aver perso lo smalto dei giorni migliori, ma si dice pronto a svoltar pagina e tornare a vincere: “Essere in questa squadra è un motivo di grande gioia. L’ultima stagione non è stata semplice, dato che ho dovuto fare i conti con un brutto infortunio. Aver terminato nei primi tre è comunque un traguardo importante, visto il livello del Campionato. Adesso sono pronto per una nuova stagione”.