Yamaha Tracer 900 e 900 GT: novità ad EICMA 2017

Yamaha Tracer 900 e 900 GT sbarcano ad EICMA 2017. Aggiornamenti per la 900 ed esordio per la 900 GT, pensata per i viaggi più lunghi.

Yamaha Tracer 900 e 900 GT: novità ad EICMA 2017

Tutto su: Yamaha Tracer 900

di Tommaso Giacomelli

07 novembre 2017

Ad EICMA 2017 c’è spazio anche per le grandi sport-tourer, le compagne ideali per i lunghi viaggi. Sono moto comode, ma che non disdegnano la prestazione e la velocità. Una delle migliori rappresentanti della categoria è la Yamaha Tracer, nelle versioni 900 e 900 GT, protagoniste al Salone di Milano. La moto presentata due anni fa propone delle importanti novità a livello di contenuti tecnici ed estetici.

Tracer 900

Esternamente compaiono dei nuovi elementi, come l’area di aspirazione sul cupolino che ha adesso delle finiture più spigolose. I gruppi ottici all’anteriore hanno la stessa linea di quelli della versione del 2015. Il design del serbatoio da 18 litri è stato reso più moderno, esattamente come il codino spigolosa, che integra gli attacchi per le borse laterali rigide. I tecnici della Casa dei tre diapason hanno puntato tutto su di una maggiore praticità: il plexiglass più spazioso garantisce maggior difesa dall’aria ed è regolabile manualmente in altezza. Le selle del pilota e del passeggero sono nuove e, quella di chi guida si regola in due posizioni in altezza, high e low, per adattarsi al proprio stile. Il manubrio è stato modificato e reso più stretto rispetto alla precedente versione; i paramani sono più snelli e leggeri. Tra le novità c’è l’introduzione di un paraserbatoio morbido. Migliorato anche il gruppo pedane e il maniglione per ottenere un maggior confort complessivo. Il motore tre cilindri da 115 CV viene confermato. La nuova Tracer 900 sarà disponibile da marzo 2018 in due colorazioni: Nimbus Grey e Tech Black.

Yamaha Tracer 900 GT

La Yamaha Tracer 900 GT è stata pensata proprio per fronteggiare le distanze più lunghe, i viaggi più estenuanti e difficili. La 900 GT nasce sulla base della 900, ma ha delle borse laterali rigidi più capienti, che arrivano fino ai 22 litri. Esse sono a sgancio rapido e in colori coordinati. La strumentazione è realizzata con la tecnologia TFT (Thin Film Transistor) a colori che offre diverse informazioni utili: marcia inserita, temperatura dell’ambiente e del motore, modalità di guida, livello del carburante, consumo e, per finire, il livello del TCS inserito. Il comparto tecnologico non si ferma qua, la Tracer 900 GT ha il cambio elettronico in accelerazione e il cruise control.

 La Yamaha Tracer 900 GT ha sospensioni più evolute con una nuova forcella regolabile e un ammortizzatore con regolazione del precarico della molla in remoto. Sarà nelle concessionarie a partire dalla primavera del 2018.