Un’Aston Martin Rapide all’asta per il Giappone

L’amministratore delegato di Aston Martin Ulrich Bez metterà all’asta la sua Rapide per raccogliere fondi a favore delle vittime del sisma.

Un’Aston Martin Rapide all'asta per il Giappone

Tutto su: Aston Martin Rapide

di Valerio Verdone

09 maggio 2011

L’amministratore delegato di Aston Martin Ulrich Bez metterà all’asta la sua Rapide per raccogliere fondi a favore delle vittime del sisma.

Il terremoto che ha devastato il Giappone ha generato una sorta di gara di solidarietà per aiutare le popolazioni colpite dalla catastrofe naturale e così, tra i tanti modi per fornire fondi alle località più colpite, ne abbiamo scovato uno prettamente automobilistico.

Infatti, l’amministratore delegato della Aston Martin, Ulrich Bez, ha deciso di mettere all’asta un esemplare della splendida Rapide, per ricavare fondi da inviare alle associazioni che assistono le popolazioni giapponesi colpite dal sisma.

La vettura, immatricolata nel 2009, con guida a destra, interni in pelle nera con cuciture grigie, sistema di intrattenimento con schermi DVD e cuffie per i passeggeri posteriori e sedili climatizzati, sarà battuta all’asta annuale di Bonhams a Newport Pagnell.

“E’ impossibile non rimanere colpiti dai recenti avvenimenti in Giappone – ha spiegato Bez – e noi di Aston Martin non facciamo eccezione. Dopo molti anni di presenza sul mercato ed i legami più stretti che stiamo instaurando con l’azienda automobilistica giapponese attraverso i progetti recenti, abbiamo molti amici nella regione e abbiamo deciso di fare qualcosa per fornire il nostro supporto”.