Sacrilegio: una Ferrari 360 con V8 Chevy da 1000 CV

La singolare scelta di un facoltoso (ma poco rispettoso) californiano. Adesso, la 360 sviluppa 1000 CV. Ma il prestigio va a farsi benedire...

Ferrari 360 con motore Chevrolet

Altre foto »

In inglese si dice "engine swapping". In italiano, in questo caso... "sacrilegio". D'altro canto, un fanatico di track day che abita in California, cosa potrebbe fare nel caso che il motore della propria Ferrari 360 rendesse l'anima durante un infuocato duello in pista? Semplice, risponderebbe il facoltoso (e, come vedremo, irrispettoso) proprietario: basta sostituire il prezioso V8 da 3,6 litri e 5 valvole per cilindro, che già nella versione "corsa" eroga 415 CV con un altrettanto performante, ma ben più grezzo, motore made in USA. V8 anche questo, ma al contrario del motore d'origine della 360, si tratta di un 7 litri Chevrolet, opportunamente rivisto e in grado di erogare ben 1000 CV.

E' quanto è stato realizzato, in questi giorni, in California, dove il proprietario della Ferrari 360 Modena, che durante la settimana fa compagnia ad altre regine di un garage da lustrarsi gli occhi (Porsche 911 GT3, altre Ferrari, e non una, ma ben due Pagani Zonda), durante un track day ha subito uno dei danni più gravi: la rottura del motore.

Chiunque altro si fosse trovato nelle stesse condizioni, avrebbe sostituito il V8 made in Maranello con un'unità analoga. In questo caso, invece, il "traditore" ha pensato bene di agire fuori dagli schemi. E ha fatto installare un 7 litri Chevrolet elaborato dalla Lingenfelter Performance, tuner specializzato nell'elaborazione estrema dei modelli più sportivi del Gruppo General Motors. Un big block a doppio turbocompressore, che sviluppa la bellezza di 1000 CV, e accoppiato a un cambio semiautomatico Weismann a sei rapporti. Per fortuna, l'elenco delle caratteristiche tecniche si ferma qui.

Crediamo che, per questa Chevy-Ferrari, i pareri non saranno del tutto teneri. Ognuno è libero di agire come meglio crede; ma l'installazione di un rozzo, pesante, tecnicamente arcaico e ben meno "nobile" V8 Chevy nel prezioso vano motore di una Ferrari 360 GT (costruita, peraltro, in poche centinaia di esemplari, e tutti destinati alla pista) non sia il modo migliore di valorizzare la vettura. Per non parlare del marchio Chevrolet sistemato a bella posta sulla griglia posteriore e sul musetto anteriore della Ferrari 360.

Sicuramente, questa Ferrari sprigionerà 1000 CV; sicuramente, ora, sarà una bestia nera per i track day della West Coast (a proposito: ma queste giornate in pista per amatori non dovrebbero svolgersi all'insegna del fair play?). Quanto a conoscenza personale della storia dell'automobilismo di maggiore prestigio, qua siamo ai livelli del garage del ragazzino sotto casa. California o no.

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 20 aprile 2011

Altro su Ferrari

Ferrari 488 GTB by Liberty Walk
Tuning

Ferrari 488 GTB by Liberty Walk

Dal Giappone arriva un’interessante interpretazione della Ferrari 488 GTB firmata dal tuner Liberty Walk.

Ferrari J50: 10 esemplari solo per il Giappone
Anteprime

Ferrari J50: 10 esemplari solo per il Giappone

Una fuoriserie per celebrare i 50 anni del Cavallino Rampante nel paese del Sol Levante.

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli
Motorsport

Ferrari 488 Challenge: versione racing da 670 cavalli

Presentata a Daytona la nuova Ferrari 488 Challenge da 670 CV: sarà impiegata nell'edizione numero 25 del monomarca di Maranello.